Vai in Risorgimento, sotto-sezione di Download.
Ci sono molti nuovi file da scaricare.
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!!. Cercate!!! Scarica!
Toggle Bar

15 – Quanne sposa Francische
Recitata da La Sala Raffaela. 22 versi di varia estensione suddivisi in strofe di cinque versi di cui la seconda e l'ultima lacunose; più un ritornello costituito da tre versi. La struttura del canto, a parte il ritornello, è quella tipica delle canzoni epico-liriche.

Spartito di "Quanne sposa Francische"
Spartito di "Quanne sposa Francische"

Q uanne sposa Francische allu pajese
che festa, che festine e che gran cosa.
La stanza steva chjena de sciure e rose
ammeze li 'mmetate steva la sposa
cu' l’occhje 'nterra e come 'na scurnosa. 

Chjagneva, la puverella, senza pute' parla'
nemmene 'na chiacchiarella sì, sì
quedda sera puteva fa'. 

E ievene li iunnece e meze quedda sera
ce n'evene iute tutte li 'rnrnetate.
La zita ieva lenzata tutta prijata
che la chiamavano donna maretata. 

Nu iurne lu cumpare Fazzulette
salutò alla cummarella cu' respette. 

- Cumpa', che mala sorta ie 'ncappate:
Francische non è bone a fa' lu 'nzurate,
e non è bone isse e chi me l'ha 'rrecate. 

E dope poche tempe che ieva passate
quante cchjù grassa e grosse ce faceva
ieva 'ngrassata come 'na vaccarella.
Francische alla mugghjere la spiava,
deceva: - Moglje mia, che ha' cumbenate? - 

- E citte Francische mia, lu cumpare me chensola
è megghje abballa' accuscì
cu' lu 'mbringhete 'mbri', cu' lu 'mbringhete 'mbra'.
Quando sposa Francesco. Quando sposa Francesco al paese che festa, che festino e che gran cosa. La stanza era piena di fiori e rose in mezzo agli invitati stava la sposa con gli occhi a terra e come una donna vergognosa. Piangeva, la poverella, senza poter parlare nemmeno una chiacchierella sì, sì quella sera poteva fare. Ed erano le undici e mezzo quella sera se n'erano andati tutti gli invitati. La sposa era rimasta tutta allegra ché la chiamavano donna maritata. Un giorno il compare Fazzoletto salutò la comarella con rispetto. - Compare, che mala sorte ho avuto: Francesco non è capace di fare l'uomo sposato, e non è buono lui e chi me l'ha portato.
E dopo poco tempo che era passato quanto più grassa e grossa si faceva era ingrassata come una vaccherella. Francesco guardava la moglie, diceva: - Moglie mia, che hai combinato? - E zitto Francesco mio, il compare mi consola è meglio ballare così con il 'mbringhete 'mbri', con il 'mbringhete 'mbra' .