Vai in Nord-Sud, sotto-sezione di Download ed in Giuseppe Prezzolini.
Ci sono molti nuovi file da scaricare.
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!!. Cercate!!! Scarica!
Toggle Bar

7 – La bella Cecilia
Recitata da De Cata Lucia. 48 versi di varia estensione con prevalenza di settenari ed ottonari. Rima molto irregolare. La struttura della canzone, per quanto corrotta in taluni punti, è simile a quella che si è avuta nell'area centro-meridionale, e cioè presenta la suddivisione in quartine con i primi tre versi piani e l'ultimo tronco. Anche per il contenuto non vi sono differenze di rilievo rispetto alle altre versioni meridionali (si veda al riguardo l'ampio studio del Bronzini, op. cit.).


Otello Profazio - La bella Cecilia

Spartito di "La bella Cecilia"
Spartito di "La bella Cecilia"

Santa Cecilia mia
te' lu marite carcerate
e senza male affaje
e lu marite carcerate sta. 

- Sinte, Cecilia, sinte
sinteme 'na parola
e va dallu capitane
se me vo' fa' asci' a libertà.

- Sinte, mio capitane,
che ha ditte lu mio marite
se lu vu' fa' asci' a libertà. 

- Sinte, Cecilia, sinte
di' a lu tuo marite
se vi' a durmi' 'na notte quaje
e po' asci' a libertà.

- Sinte, mio care marite,
che ha ditte lu capitane
se dorme 'na notte ddà
e la pu' ave' la libertà. 

- E sinte, Cecilia, sinte
se iè pe 'na notte sola
pu' i a durmi' a 'na bon'ora.

- Sinte, mio capitane,
che resposta m'ha date lu mio marite
se ie pe 'na notte sola
pozze durmi' a 'na bon'ora. 

E punte de mezanotte
ietta nu gran suspire
e ched'è, Cecilia mia,
pe questa notte non me fa' durmi'. 

E ce mena a lu pertone
vede lu marite 'mpise a lu balcone. 

- E sinte, mio capitane,
m'avete ben tradite
e m'avete luuate l'amore
e anche la vita, lu mio marite. 

- E tu, Cecilia mia,
e non te scumpedanne
e princepe e cavaliere
quidde so' tutte marite a te. 

- E i' non vogghje princepe
e nemmene cavaliere
i' voglie sule la fede
quella che m'ha dunate Dì. 

Vurrìa 'na meza sciabula
'na meza carabbina
e ne facerrìa 'na destrutta
e de tutte quest’assassine.
La bella Cecilia. Santa Cecilia mia tiene il marito carcerato e senza aver fatto del male il marito carcerato sta. - Senti, Cecilia, senti sentimi una parola e vai dal capitano se mi vuole far uscire in libertà. - Senti, mio capitano, che ha detto il mio marito se lo vuoi far uscire in libertà. - Senti, Cecilia, senti di' al tuo marito se vieni a dormire una notte qua e può uscire in libertà. - Senti, mio caro marito, che ha detto il capitano se dormo una notte là e la puoi avere la libertà. - E senti, Cecilia, senti se è per una notte sola puoi andare a dormire a una buon'ora.
- Senti, mio capitano, che risposta mi ha dato il mio marito se è per una notte sola posso dormire a una buon'ora. E al momento della mezzanotte getta un gran sospiro e cos'è, Ceci- lia mia, tu questa notte non mi fai dormire. E si butta giù al portone vede il marito impiccato al balcone. - E senti, mio capitano, m'avete ben tradita e m'avete tolto l'amore e anche la vita, il mio marito. - E tu, Cecilia mia, e non ti preoccupare e principi e cavalieri quelli sono tutti mariti a te. - E io non voglio principi e nemmeno cavalieri io voglio solo la fede quella che mi ha donato Dio. Vorrei una mezza sciabola una mezza carabina ne farei una strage di tutti questi assassini.