Vai in Nord-Sud, sotto-sezione di Download ed in Giuseppe Prezzolini.
Ci sono molti nuovi file da scaricare.
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!!. Cercate!!! Scarica!
Toggle Bar

12 – L'aria dellu ciele
Recitata da Beatrice Antonietta. 41 versi in prevalenza endecasillabi. Rima irregolare per lo più baciata con qualche assonanza.
Si tratta di una canzone che svolge un contenuto non facilmente rintracciabile nella tradizione del canto narrativo italiano. Di particolare rilievo la individuazione di tre parti ben distinte: la prima di tipico impianto narrativo, la seconda fortemente caratterizzata dall'anafora, la terza di tono e contenuto lirico.

 
Spartito di "L'aria dellu ciele"
Spartito di "L'aria dellu ciele"
 

E l'aria dellu ciele mo' ce tramuta
e l'aria dellu ciele mo' ce tramuta
e parte Piacenze cu' la sposa
oje cu' la sposa.

E quanne arriva a quiddu certe loche
pe cuntantezza li dona nu bace. 

Li soje fratelle che ievene de 'nore
gettarene nu colpe senza fa' remore. 

La sposa ce vutava atturne atturne.
- Ched'è Piacenze 'stu sagne che cola?
- E quiste non è lu sagne che cola,
quisse so' li mije cavalle, gettene sedore. 

- Ieccellenza, ieccellenza tutte quante
faciteme passa' nu poche avante.
- Mamma, mamma, ajapreme 'ssi porte
t'eje addutte la tua nora che i' so' morte. 

- Figghje, figghje, che n'eja fa' de 'ssa nore
i' vaje truvanne a te, gentile d'amore.
- E mamma, mamma, prepara la tavela,
non me fa' scumpari' la cumpagnia.

Tutte li segge stevene accupate,
la seggia de Piacenze steva specciate. 

- E mamma, mamma, che remore è suse?
E i' li sente li donne sterla'. 

- E figghja, figghja non te preoccupa',
quiste è pajese de donne sterlaje. 

- E figghja, figghja, levete 'ss'anedde,
inte la cammera mia non pare bella. 

- E figghja, figghja, levete 'ssa vesta,
non ce fa pe te 'sta bella festa.

- E figghja, figghja, levete 'ssi recchine
li tuje fratelle so' state vere assassine. 

- E figghja, figghja, se ce vu' resta'
pe l'amore de Piacenze te vogghje tene'.

- Cu' dudece cavadde i' so' mmenuta,
cu' vintiquatte me ne voglie andaje.
Piangite donne e susperate mura,
i' so' mmenuta gljanca e me ne vaje scura.
E quanne arrive a quiddu loche belle
dda me farò chiama' zia munachella.
E quanne arrive allu pajese mia
e tutta nera me vogghje vesti'.
L'aria del cielo. L'aria del cielo ora si tramuta e parte Piacenza con la sposa, oh con la sposa. E quando arriva a quel certo luogo per contentezza le dona un bacio. I suoi fratelli che erano di onore gettarono un colpo senza far rumore.
La sposa si girava attorno attorno. - Cos'è Piacenza questo sangue che cola? - E questo non è il sangue che cola, questi sono i miei cavalli, gettano sudore. - Eccellenza, eccellenza tutti quanti fatemi passare un po' avanti. - Mamma, mamma, aprimi queste porte ti ho condotto la tua nuora che io sono morto.
- Figlio, figlio, che cosa ne devo fare di questa nuora io vado trovando te, gentile d'amore. - E mamma, mamma, prepara la tavola, non farmi fare una brutta figura alla compagnia.Tutte le sedie stavano occupate, la sedia di Piacenza era vuota.
- E mamma, mamma, che rumore è sopra? E io le sento le donne strillare. - E figlia, figlia non ti preoccupare, questo è paese di donne che strillano. - E figlia, figlia. levati quest’anello, dentro la camera mia non pari bella. - E figlia, figlia, levati questa veste, non si fa per te questa bella festa. - E figlia, figlia, levati questi orecchini i tuoi fratelli sono stati veri assassini. - E figlia, figlia, se ci vuoi restare per l'amore di Piacenza ti voglio tenere.- Con dodici cavalli io sono venuta, con ventiquattro me ne voglio andare. Piangete donne e sospirate mura, io sono venuta bianca e me ne vado scura. E quando arrivo a quel luogo bello là mi farò chiamare zia monachella. E quando arrivo al paese mio e tutta nera mi voglio vestire.