Vai in Nord-Sud, sotto-sezione di Download ed in Giuseppe Prezzolini.
Ci sono molti nuovi file da scaricare.
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!!. Cercate!!! Scarica!
Toggle Bar

La Valle, Numero unico, Settembre 1971
Appello ai sammarchesi lontani
Siamo un gruppo di giovani che han deciso di dar vita a questo foglietto, Per la prima volta nella storia dei foglietti sammarchesi, il nostro sarà inviato a voi che per motivi cli lavoro e di impiego vi siete allontanati dal paese natio. Pensiamo, infatti, che a tutti voi farà piacere ritrovare, attraverso le colonne del nostro foglietto, un po’ d’aria paesana. Avremmo voluto riservarvi più spazio in questo stesso numero unico, ma, a partire dal prossimo numero, ci siamo proposti di dedicarvi una intera rubrica in cui pubblicare vostre lettere, corrispondenze varie ed ogni notizia che potrà farvi piacere.
A noi la buona volontà non manca, tanto è vero che le spese occorrenti per dar vita a questo giornale, le abbiamo affrontate a costo di personali sacrifici. Se, quindi, questa nostra iniziativa non vi lascia del tutto indifferenti e se vorrete che essa non muoia sul nascere, non avete che da darci una mano, sostenerci moralmente e materialmente.
Fiduciosa,
La Redazione
Risveglio
L'uscita di un giornale a S. Marco è cosa tanto rara che ogni volta bisogna rifare le presentazioni ed esporre programmi. Noi, redattori di questo foglietto, pensiamo di non aver bisogno di presentazione, ma non possiamo esimerci dall'esporre i nostri propositi.
Uno dei motivi principali che ci ha spinti ad intraprendere questa iniziativa è stato quello di rompere l’atmosfera apatica, abbattere il muro della noia e dell’indifferenza, svegliare dal torpore gli spiriti sonnolenti di molti nostri concittadini amanti solo della critica a buon mercato e il più delle volte distruttiva.
Ecco perché ci prefiggiamo di portare avanti il nostro foglio oltre il solito “numero unico”, anche se non ignoriamo a quale impresa disperata e titanica si va incontro, come è ben noto a quanti, prima di noi, si sono cimentati in simili iniziative.
Forse, alcuni improvvisati e troppo zelanti “sofisti”, scopriranno che il nostro giornale esce senza una chiara, precisa e ben determinata linea ideologica.
Costoro non si affannino troppo.
Siamo noi stessi a dir loro che, deliberatamente, il giornale non parte da una precisa premessa ideologica in quanto ciascuno dei redattori ha una formazione morale e spirituale diversa dagli altri. Ciò, però, non vuol dire che il giornale non ha uno scopo, un obiettivo ben preciso, cioè quello di affrontare, senza riserve mentali, problemi e fatti che possano interessare direttamente la vita del nostro paese.
Un altro punto che ci preme mettere in chiaro è la nostra assoluta indipendenza da chiunque per motivi sopra considerati e perché non amiamo “attaccar l’asino dove vuole il padrone”.
Questa prerogativa ci offre la facoltà di accettare, da chiunque provenga, ogni tipo di collaborazione che varrà a suscitare un particolare interesse intorno a problemi locali; problemi che potremo anche far nostri e difendere, se li riterremo giusti e vantaggiosi per tutta la cittadinanza.
Forse ci illudiamo pensando che qualcuno possa prestare la propria collaborazione o possa interessarsi alla soluzione dei problemi che volta per volta metteremo a fuoco, ma neanche di questo ci preoccupiamo molto: a ciascuno le proprie responsabilità.
Dopo aver chiarito le nostre intenzioni ci mettiamo senz’altro al lavoro e saremo grati a quanti, dopo questo primo numero, vorranno farci giungere suggerimenti, consigli ed anche critiche per migliorare il giornale.
La Redazione