Vai in Risorgimento, sotto-sezione di Download.
Ci sono molti nuovi file da scaricare. Per es. Nello Rosselli e Antonio Gramsci
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!!. Cercate!!! Scarica!
Toggle Bar

Qualesammarco, Nr. Zero, Marzo 1988
Il primo “Spazio aperto”
Spazio Aperto” ospiterà alcuni degli interventi (richieste, opinioni, denunce, proposte) che ci giungeranno da parte dei lettori.
Gli interventi, chiaramente manoscritti o dattiloscritti, vanno depositati presso il Circolo ARCI di S. Marco in Lamis, Largo Mercato n. 5, dalle ore 18,30 alle ore 19,30 del mercoledì e del venerdì.

Da Qualesammarco del Marzo 1988 p. 6
Da Qualesammarco del Marzo 1988 p. 6
Il primo “Spazio Aperto" inizia con una domanda rivolta a viva voce ad alcuni potenziali lettori scelti tra varie categorie sociali.
- Come dovrebbe essere, per voi, un giornale sammarchese?
Leonardo (studente): Il giornale dovrebbe dare spazio alla scuola ed ai suoi problemi, poi si potrebbe fare un piccolo concorso dedicato agli studenti, per rivalutare le tradizioni locali. Si può parlare di problemi sociali facendo conoscere i centri esistenti a Sammarco e i modi per usufruirne.
R.C. (preside): Questo giornale rappresenta un’iniziativa interessante, perché Sammarco non ha un’informazione giornalistica vera e propria. Il rischio da evitare è di non rifarsi ai giornali nazionali, ma farlo diventare una “voce” dei problemi di Sammarco. Oltre ad indicare e a denunciare dei problemi, dovrebbe creare una diversa consapevolezza fra i cittadini per renderli più partecipi della realtà locale.
Va, inoltre, rivalutata la cultura sammarchese, parlando di artisti locali.
C.G. (commerciante): Trattare i problemi della donna, soprattutto della mentalità che tende a farle conservare un ruolo del tutto tradizionale, a scapito di altre realizzazioni ed affermazioni. La donna non è affatto valorizzata e mancano spazi, punti d’incontro, centri per confrontarsi e parlare dei propri problemi.
Pietro (bracciante): Se ci sono problemi che ci riguardano, il giornale ha il coraggio di denunciarli?
Michele (operaio): Questo giornale dovrebbe far conoscere le difficili situazioni di lavoro, per es. le condizioni di pericolo in cui lavoriarno nelle cave, in quanto si usano esplosivi e si possono avere malattie gravi. Avremmo bisogno, inoltre, di andare in pensione un po’ prima. E’ importante parlare della tutela dell’ambiente di lavoro.
Leonardo (pensionato): Bisogna denunciare alcune situazioni di disagio familiare che esistono a Sammarco.
M. C. (medico): Il giornale dovrebbe contenere una parte culturale (poeti locali), una parte di cronologia politico-amministrativa, oltre alla cronaca ed a fatti del passato collegabili al presente.
I. M. (casalinga): Si deve scrivere della corruzione che esiste tra i politici, specie quando si tratta di trovare lavoro, ricordando a queste persone che siamo tutti uguali.
Antonietta (pensionata): Bisogna parlare delle cattive abitudini dei giovani di oggi e tra i problemi bisogna parlare, soprattutto, del problema della droga.
Angela (studentessa): Deve essere un giornale che adotti un linguaggio semplice ed accessibile a tutti; dovrebbe rivalutare Sammarco e la sua realtà e cercare di scuotere i cittadini. Mettere in evidenza i nostri problemi e cercare di risolverli, per permetterci di poter uscire dalla nostra chiusura culturale.
a cura di Angela Soccio - Ciro Villani