Vai in Nord-Sud, sotto-sezione di Download ed in Giuseppe Prezzolini.
Ci sono molti nuovi file da scaricare.
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!!. Cercate!!! Scarica!
Toggle Bar

Prof.ssa Picciau, Destra e Sinistra storica, Università degli studi di Cagliari, Anno accademico 2015/16

[...] SINISTRA STORICA 1876- 1896
- Governa dal 1876, anno della "rivoluzione parlamentare" che portò alla caduta della Destra storica, sino alla "crisi di fine secolo" 1896, che sfociò nell'età giolittiana.
- Il primo presidente del consiglio appartenente alla Sinistra storica fu Agostino Depretis, incaricato dal Re, pochi giorni dopo le
dimissioni del governo Minghetti.
- La matrice ideologica del raggruppamento era liberale progressista, e, pur non avendo un precedente storico, si rifaceva alle idee mazziniane, garibaldine e dunque democratiche.
- Depretis formò un governo che, oltre all'appoggio della Sinistra, schieramento di cui faceva parte, si reggeva anche sull'appoggio di una parte della Destra, quella che aveva contribuito alla caduta del governo Minghetti.
- Nella sua azione di governo, Depretis cercò sempre ampie convergenze su singoli temi con settori dell'opposizione, dando vita al fenomeno del trasformismo.
PROGRAMMA POLITICO
• Riforma elettorale
• Riforma fiscale
• Riforma scolastica
• Diritto di voto
Riforma scolastica
RIFORME
• Istruzione elementare obbligatoria sino ai 9 anni di età e gratuita per i primi due anni (legge Coppino 1877)
• Secolare abbandono della scuola >>> Clero
SUFFRAGIO UNIVERSALE
• l'allargamento del suffragio, tramite una legge del 1882 (legge Zanardelli) che concedeva diritto di voto a tutti i maschi, che avessero compiuto i 21 anni e rispettassero requisiti per il voto:
• il pagamento di un'imposta di almeno 19,8 lire (invece delle precedenti 40)
• o in alternativa, il conseguimento dell'istruzione elementare appena allargata (era comunque sufficiente dimostrare di saper leggere e scrivere).
• Con questa riforma il corpo elettorale salì al 6,9% della popolazione italiana, rispetto al 2,2% del 1880
Politica economica
• Eliminata tassa sul macinato 1879
• Danneggiato il bilancio
• Imposte di consumo
• e in generale una politica di sgravi fiscali e di investimenti nello sviluppo industriale del paese.
PROTEZIONISMO
•  I governi italiani della Sinistra, condizionati da gruppi industriali del Nord, approvarono nel 1878 l'introduzione di tariffe doganali a
protezione delle industrie tessili e siderurgiche;
• furono inoltre concessi sussidi ai settori in difficoltà e sviluppate le infrastrutture.
POLITICA ECONOMICA
• Protezionismo 1876
• si rende necessario per rispondere alla concorrenza agricola di Cina e Giappone
• Così si cerca di proteggere i prodotti nazionali, rendendo meno conveniente l’importazione con l’imposizione di una barriera doganale
• Blocca la crescita del Mezzogiorno
• programma protezionista che si tradusse nell'intervento dello stato, aggiunto ai dazi doganali, che limitavano le importazioni e
favorivano il commercio interno;
• GUERRA DELLE TARIFFE 1888
• aumento delle tariffe doganali inasprisce i rapporti commerciali con la Francia
• Causa crollo dei prezzi per grande quantità di prodotti rimasti invenduti e un forte calo delle esportazioni

POLITICA ESTERA
- acquistata nel 1882 la Baia di Assab dalla Compagnia Rubattino, da cui partì in seguito l'avventura coloniale nell'Africa orientale.
- la Sinistra storica di Depretis abbandonò la tradizionale alleanza con la Francia, a causa di attriti diplomatici
- entra nell'orbita della Triplice Alleanza a fianco degli imperi centrali di Austria-Ungheria e Germania e favorendo lo sviluppo del
colonialismo italiano, innanzitutto con l'occupazione di 1885 Massaua in Eritrea.
- Sconfitta di Dogali 26 gennaio 1887
Perché l’Italia si allea con l’Austria:
- Interesse a liberazione del Trentino e della Venezia Giulia
- Mire espansionistiche in Tunisia che passerà alla Francia nel 1881
- Rotti i rapporti con la Francia, impossibilità di allearsi con Inghilterra, guarda alla Germania e alla sua alleata Germania (dal 1879)
- 1882 si dà vita alla Triplice Alleanza (Germania-Austria e Italia)
LEGISLAZIONE SOCIALE
• 1883 Cassa nazionale per aiutare i lavoratori che hanno incidenti sul lavoro, oggi INAIL (1933)
• Leggi protettive per lavoro delle donne e dei bambini
La Sinistra storica prese provvedimenti anche in campo amministrativo:
• decentramento dei poteri
• e in campo sociale: con l'introduzione di prime misure a difesa dei lavoratori.
• Furono inoltre avviate una serie di inchieste per esaminare le condizioni di vita della popolazione rurale: la più nota è senz'altro l'inchiesta Jacini, che rivelò una diffusa malnutrizione (pellagra), alta mortalità infantile (per difterite), grande povertà e scarse condizioni igieniche.
Francesco Crispi (1887 - 1896)
- Ex mazziniano , diventa 1. ministro 1887
- Tendenze autoritarie con repressione armata
- 1894 fasci siciliani soffocati con la forza
Il modello della sua politica era la Germania di Bismarck, dove le tensioni sociali fra la classe operaia e la borghesia sembravano equilibrate.
- Crispi represse nel sangue la rivolta dei fasci operai in Sicilia e sciolse il Partito Socialista, fondato da Turati a Genova nel 1892,
- emanò una serie di riforme sociali quali la riduzione della giornata lavorativa e la prima legge sull'assistenza sociale, passata alla storia proprio come "legge Crispi".
Nella crisi di fine secolo si manifestarono le conseguenze sul piano sociale della politica protezionistica, come dimostrano i fatti di
piazza del Duomo a Milano del maggio 1898, quando il generale Bava Beccaris non esitò a sparare con i cannoni sulla folla che chiedeva “pane e lavoro" durante la protesta dello stomaco.
RIFORME DI CRISPI
- 1889 Riforma del codice penale (Zanardelli)
- Riconoscimento diritto di sciopero
- Abolizione pena di morte
INIZIATIVE ANTICLERICALI
- Abolizione insegnamento religioso nelle scuole (1888).
- Istituzioni di beneficenza affidate a prefetti.
- Punibilità per clero reo di colpe.
- 1889 monumento a G. Bruno a Roma.
POLITICA ESTERA di Francesco Crispi
- Trattato di Uccialli 1889 stipulato con il negus Menelik ottiene il protettorato sull’Abissinia sull’Etiopia e sulla Somalia
- Disastrosa sconfitta ad Adua 1896
- Dimissioni
CRONOLOGIA SINISTRA STORICA
• Governo Depretis I (25 marzo 1876 - 25 dicembre 1877)
• Governo Depretis II (26 dicembre 1877 - 24 marzo 1878)
• Governo Cairoli I (24 marzo 1878 - 19 dicembre 1878)
• Governo Depretis III(19 dicembre 1878 - 14 luglio 1879)
• Governo Cairoli II (14 luglio 1879 - 25 novembre 1879)
• Governo Cairoli III (25 novembre 1879 - 29 maggio 1881)
• Governo Depretis IV (29 maggio 1881 - 25 maggio 1883)
• Governo Depretis V (25 maggio 1883 - 30 marzo 1884)