Articoli
Nessun uomo è un’Isola, intero in se stesso. Ogni uomo è un pezzo del Continente, una parte della Terra. Se una Zolla viene portata via dall’onda del Mare, la Terra ne è diminuita, come se un Promontorio fosse stato al suo posto, o una Magione amica o la tua stessa Casa. Ogni morte d’uomo mi diminuisce, perché io partecipo all’Umanità. E così non mandare mai a chiedere per chi suona la Campana: Essa suona per te. (John Donne - 1572-1631)

Scarica

  • Canti popolari di S. Marco in Lamis

    Canti popolari di S. Marco in Lamis

    Una sezione nuova, in versione ampliata, dal libro di Raffaele Cera. Leggi
  • Ettore Petrolini

    Ettore Petrolini

    Un grande attore italiano
    Più famoso che conosciuto Leggi
  • La Storia dei ladri in Italia

    La Storia dei ladri in Italia

    "La storia dei ladri in Italia" di un Anonimo (Felice Borri?), del 1872. E' sconvolgente ed attuale! Leggi
  • Ernesto Rossi

    Ernesto Rossi

    Un grande italiano, poco conosciuto dalla "massa" del popolo. Leggi
  • Le Acli a S. Marco in Lamis

    Le Acli a S. Marco in Lamis

    Sebastiano (Ninuccio) Contessa racconta la storia delle Acli di San Marco in Lamis.
    Il secondo dopoguerra in un paesino del Meridione. Leggi
  • P. Sylos Labini (1920-2002)

    P. Sylos Labini (1920-2002)

    Un grande economista italiano, che aveva previsto molte cose. Leggi
  • Carlo Cattaneo (1801-1869)

    Carlo Cattaneo (1801-1869)

    Egli fu uomo d'azione, in modo folgorante, ma per brevissimo tempo, non più di diciassette giorni in quasi settant'anni di vita. Leggi
  • Napoleone Colajanni (1847-1921)

    Napoleone Colajanni (1847-1921)

    Nuova sezione
    dedicata ad un Grande alquanto dimenticato. Garibaldino, Repubblicano, italiano, onesto, amante dei poveri e della giustizia. Leggi
  • Il Risorgimento

    Il Risorgimento

    Nuova sezione! La foto è una litografia di Rossetti, tratta da Antonio Balbiani, Storia illustrata della vita di Garibaldi, Milano, 1860. Leggi
  • Leggi con me.

    Leggi con me.

    [...] la biblioteca non è solo il luogo della tua memoria, dove conservi quel che hai letto, ma il luogo della memoria universale, dove un giorno, nel momento fatale, potrai trovare quelli altri hanno letto prima di te. È un repositorio dove al limite tutto si confonde e genera una vertigine, un cocktail della memoria dotta. [...]
    Umberto Eco Leggi
  • Nord-Sud

    Nord-Sud

    "Il federalismo - ivi compreso quello 'fiscale' - servirà assai poco al progresso del Paese se il Governo italiano non avvierà contestualmente una strutturale ed incisiva politica economica nazionale di sviluppo e di coesione, finalizzata alla unificazione anche 'economica' tra Mezzogiorno e Centro-Nord".
    Nino Novacco (1927-2011) Leggi
  • G. A. Borgese

    G. A. Borgese

    [Golia è] Un libro, questo, letto da pochi, purtroppo, allora come oggi, non più in commercio, eppure un libro sul fascismo, sull'Italia fascista, un libro di radicale importanza. Ed è un libro da cui bisogna partire per conoscere Borgese scrittore, oggi effettivamente sconosciuto. L. Sciascia, in Corriere della sera dell'11 settembre 1982 Leggi
  • Le migrazioni

    Le migrazioni

    Il problema dei movimenti migratori è molto vecchio e complesso. Oggi assistiamo, purtroppo e tra il plauso di molti, ad una sua pericolosa e dolorosa semplificazione.La buonanima della mia nonna materna Luigina Tardio (1897-1980) amava dire: così capisce! Ma subito aggiungeva: si stancherà! Leggi
  • Storia statistica di Giuliani

    Storia statistica di Giuliani

    Ho dedicato una corposa sezione al Notaio sammarchese Leonardo Giuliani (1786-1865), autore della citatissima 'Storia statistica'.Ho aggiunto alla sezione molti 'file' che servono ad inquadrare meglio questa grande figura. Leggi
  • Due libri di Matteo Ciavarella

    Due libri di Matteo Ciavarella

    I due libri (Il colera del 1837..., 1981 e Fra orti e mugnali, 1982) che vi offro sono opera del sammarchese Matteo Ciavarella. Essi sono una miniera di notizie sulla cittadina garganica. Leggi
  • Nascita di una città

    Nascita di una città

    Il libro di Pasquale Soccio "San Giovanni in Lamis San Marco in Lamis ....".', arricchito di tanti altri elementi che ti permettono di inquadrare la morte di una potente Badia e la nascita di una Città. Leggi
  • Antonio Vieira

    Antonio Vieira

    Nessuno come il gesuita P. Antonio Vieira (1608-1697) ha sferzato così violentemente la molteplicità degli incarichi, le remore della burocrazia, la peste dei favoritismi; nessuno ha ironizzato più spietatamente su la carta bollata, su illustri incompetenti dei loro dicasteri, su le votazioni fatte da ignari della materia su cui decidere. Leggi
  • Francesco P. Borazio

    Francesco P. Borazio

    Tullio De Mauro:
    'Francesco Paolo Borazio irrompe come una voce diversa, originale, della poesia nei dialetti meridionali. Un meridionale di questo secolo che scherza in versi dialettali: ecco un fatto che basta ad assegnare, di qua di ogni più affinata valutazione critica, una posizione eccezionale a Lu Trajone e al suo autore. Leggi
  • Marmi ed Alabastri

    Marmi ed Alabastri

    Il libro del 1876 in versione integrale. I marmi e gli alabastri del Gargano. Leggi
  • Il paese che ricordo

    Il paese che ricordo

    Vite, miti, memorie delle classi popolari di San Marco in Lamis. Ricerca curata da Sergio D'Amaro e stampata a cura della Amministrazione comunale di S. Marco in Lamis nel 1996. Leggi
  • I fatti dell'Ospedale di S. Marco in Lamis

    I fatti dell'Ospedale di S. Marco in Lamis

    I mesi di luglio ed agosto del 2002 furono molto importanti nella storia recente di S. Marco in Lamis e dell'intero Gargano. Il Piano di Riordino Ospedaliero della Regione Puglia si abbatté come una scure sul nosocomio sammarchese... Leggi
  • Il Gargano e Beltramelli

    Il Gargano e Beltramelli

    Il resoconto del viaggio compiuto nel 1905 sul Gargano dal giornalista Antonio Beltramelli. Leggi il libro completo pubblicato nel 1907, con centinaia di foto inedite. Ho arricchito il testo con moltissime note, utilizzando la tecnica dell'ipertesto. Leggi
  • Unità e Brigantaggio

    Unità e Brigantaggio

    I drammatici avvenimenti del 1860-63 visti da S. Marco in Lamis. Il libro completo di Pasquale Soccio Leggi
  • Francescani in Capitanata

    Francescani in Capitanata

    Ampi estratti del libro del grande storico P. Doroteo Forte. L'Ordine religioso francescano influenza molto la nostra vita, anche se ci sono elementi di crisi e disagio al suo interno. Leggi
  • Gastronomia e patate

    Gastronomia e patate

    Il p. Michelangelo Manicone, nel 1803, invitava i contadini del Gargano a 'coltivare le patate', da dare agli animali e da mangiare. Propone numerose ricette, che io vi sottopongo insieme ad altri scritti del Frate. Ovviamente sulle Patate. Leggi
  • Il torrente Iano

    Il torrente Iano

    Dai ricordi di Vittorio De Filippis, sammarchese emigrato a Varese dove fu Presidente dell'Ordine dei Medici. L'Autore ricorda alcuni periodi della sua infanzia a San Marco in Lamis. Una prosa semplice ma evocativa: sembra il testo di una sceneggiatura. Leggi
  • Padre Michelangelo Manicone

    Padre Michelangelo Manicone

    Un grande frate riformatore, che scriveva anche bene. Un grande conoscitore ed amante del Gargano. La trattazione di quattro comuni del Gargano, con tante curiosità. Leggi
  • I braccianti

    I braccianti

    Come vivevano i braccianti di una volta a S. Marco in Lamis e nei paesi del Gargano e del Meridione? Leggi
  • Contadini e cafoni

    Contadini e cafoni

    Come vivevano a San Marco in Lamis e nel Gargano i condadini ed i cafoni Leggi
  • Giornate ecologiche

    Giornate ecologiche

    Noi riteniamo che il turismo sia una delle poche prospettive di sviluppo economico di S. Marco; però riteniamo anche che gli interventi ricettivi e tutti i servizi debbano essere concentrati fuori del bosco, a Borgo Celano. Leggi
  • Il Bosco della Difesa

    Il Bosco della Difesa

    È il bosco più importante di S. Marco in Lamis e, probabilmente, una delle poche, possibili fonti di sviluppo sociale ed economico della nostra città in quanto ad essa è strettamente connesso lo sviluppo turistico di Borgo Celano Leggi
  • Il convento di San Matteo

    Il convento di San Matteo

    Si trova a S. Marco in Lamis ed è un Monumento nazionale. Dispone di una imponente biblioteca, di numerose raccolte di Beni culturali, quali Tavolette votive, paramenti sacri, archeologia e paleontologia, Lapidarium statue, dipinti ed altro. Una visita vale la pena. Resterete meravigliati. Leggi
  • Le erbe del Gargano

    Le erbe del Gargano

    Il Gargano è, tra l'altro, famoso per la sua biodiversità. Leggi come l'Autore di Gargano segreto parla di due piante. Leggi
  • Gli animali domestici

    Gli animali domestici

    E' molto comune trovare nell'entroterra del Gargano la famosa Mucca podolica. Sono anche frequenti il maiale, il pollo domestico, la capra garganica, la pecora. Fate attenzione ai cinghiali! Leggi
  • I funghi

    I funghi

    Sul Gargano ci sono molte specie di funghi, che troverai solamente durante una visita od un soggiorno. Leggi
  • La località chiamata Zazzano

    La località chiamata Zazzano

    Una zona interna del Gargano, poco conosciuta ma bellissima. Visitatela! Leggi
  • Le fracchie

    Le fracchie

    La processione della Fracchie di San Marco in Lamis illustrata con testi di Gabriele Tardio e numerose foto Leggi
  • Gabriele Tardio

    Gabriele Tardio

    Numerosi scritti del compianto Gabriele, illustrate con numerose note dell'Autore e foto del sottoscritto oppure tratte da vecchi libri. Leggi
  • La Politica

    La Politica

    Nel '600 Antonio Vieira esprimeva nelle sue prediche il concetto di Politica. Leggi tante curiosità Leggi
  • Le piante del Gargano

    Le piante del Gargano

    Una grande esposizione della Flora del Gargano con testi, foto e didascalie Leggi
  • Giuseppe Giuliani

    Giuseppe Giuliani

    La Festa di San Matteo a S. Marco in Lamis dal Bollettino della Biblioteca di S. Matteo Leggi
  • Castelpagano

    Castelpagano

    Un bellissimo castello medievale meta di molti villeggianti e camminatori Leggi
  • Borgo Celano

    Borgo Celano

    Frazione di S. Marco in Lamis Chiave di volta per una prospettiva di sviluppo turistico Leggi
  • Lu cummente de Sante Mattè

    Lu cummente de Sante Mattè

    Poesia di Francesco P. Borazio pubblicata sul Bollettino del Santuario di San Matteo Leggi
  • Bizzoche a San Marco nel '700

    Bizzoche a San Marco nel '700

    Un vecchio scritto del 700 Leggi
  • L'alluvione del 2014

    L'alluvione del 2014

    L'alluvione del 2014 alla Foresta Leggi
  • Almanacco

    Almanacco

    Nuova sezione di libri, biblioteche, ricordi, materiale di archivio, curiosità, chicche e tanto altro... Leggi
  • Pasquale Soccio

    Pasquale Soccio

    "Materna terra" Libro completo dell'autore di Gargano segreto Leggi
  • La Via Francesca

    La Via Francesca

    Il tratto garganico della Via Francesca Leggi
  • Luoghi del Gargano

    Luoghi del Gargano

    Visita il Santuario della Madonna di Cristo a Rignano Garganico Leggi
  • L'entroterra del Gargano

    L'entroterra del Gargano

    Potenziamento turistico di una zona territoriale poco conosciuta Il caso dell'entroterra del Gargano La Tesi completa Leggi
  • Mediamente

    Mediamente

    A partire dal 1997 Grandi personaggi parlano di ricchezza, povertà, crisi finanziaria, internet, ipertesto, S. Francesco.... Leggi
  • I nostri filmati

    I nostri filmati

    Il Gargano è Storia, Natura e Civiltà Leggi
  • Le Tremiti

    Le Tremiti

    L'Area Marina Protetta delle Isole Tremiti Leggi
  • La natura del Gargano

    La natura del Gargano

    Le bellezze del Gargano Leggi
  • La natura dà tranquillità

    La natura dà tranquillità

    Sei mai stato in un locale del Gargano? Se non lo hai ancora fatto è un peccato, perché si mangia bene. Leggi
  • La pace della natura

    La pace della natura

    Negli Agriturismi del Gargano puoi mangiare questo piatto speciale. Prova! Leggi
  • Una raccolta argentaria

    Una raccolta argentaria

    Visita la raccolta argentaria che si trova nel Convento di S. Matteo a S. Marco in Lamis Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
  • 50
  • 51
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • 57
  • 58

https://parigimeravigliosa.it/articoli/il-cabaret-degli-assassini/ del 16 Febbraio, 2017
Il Lapin Agile: il cabaret degli assassini e l’orribile massacro di Pantin.
Rincantucciata in un angolo della folle butte di Montmartre c’è una casetta che sa di campagna, vino, risate, musica e miseria.
È lì, uguale a se stessa da 150 anni.
La casetta del Lapin Agile è un po’ la nonna di Montmartre e con questo non mi riferisco alla candida vecchietta raccolta sulla sedia a dondolo davanti al fuoco a fare la calza per i nipotini… direi piuttosto una robusta nonna ubriacona dal cuore generoso, quella che mette tutti in imbarazzo alle riunioni familiari e che solo i bambini sanno apprezzare e vedremo perché.
Tanto per cominciare, questo luogo ebbe diversi nomi curiosi: prima ebbe il ragguardevole titolo di Au Rendez-vous desVoleurs (Al Rendez-vous dei ladri), poi venne promosso a Cabaret des Assassins (il Cabaret degli Assassini) grazie non solo alla dubbia fama che caratterizzava gli avventori del locale, ma anche a questo quadro di cattivo gusto appeso alla parete.
Incuriosita da questa deliziosa scena al chiaro di luna, decisi di approfondire il caso di cronaca nera a cui faceva riferimento.
A Parigi divenne noto come il "massacro del Pantin".
Il protagonista si chiamava Jean-Baptiste Troppmann, ghigliottinato alla tenera età di 21 anni per omicidio efferato, reiterato e immondo di ben 8 membri della famiglia Kinck.
Per amor di precisione aggiungo che non si trattò di un raptus omicida, ma di un assurdo massacro a puntate che sconvolse la fastosa Francia del Secondo Impero (1852-1870).
Iniziai a studiare il caso immaginando che il ragazzo avesse avuto quantomeno un’infanzia difficile, invece scoprii che era “il cocco di mamma” e che era stato avviato a un buona carriera nell’officina di papà.
Ah, “la banalità del male“! Il gesto criminale di Jean non era dovuto a nulla di particolarmente trascendentale anzi, nasceva da un movente talmente banale da risultare deprimente.
Jean-Baptiste Troppmann voleva il successo, il lusso, la fama - magari in America - e voleva tutto subito, ma gli mancava la grana per finanziare certi suoi progetti di impresa.
Un cinico destino lo fece diventare amico intimo dei Kinck, un’agiata e numerosissima famiglia borghese che ai tempi viveva nel nord della Francia e che si fidava di Jean, in quanto giovane socio in affari di Monsieur Kinck.
Ed ecco che la lampadina della depravazione si accese.
Ho provato a riassumere per voi il ragionamento di Jean qui sotto.
Giunse quindi il momento di mettere in atto un piano… piuttosto confuso, come vedremo.
Millantando un grosso affare in cui investire, Jean convinse il padre di famiglia Kinck - che, per cinica ironia della sorte, si chiamava come lui - ad seguirlo in Alsazia.
Al sicuro da sguardi indiscreti, Troppmann uccise Kinck rifilandogli del vino avvelenato. Sperava di trovargli addosso una grossa somma di denaro, ma scoprì solamente due assegni che non poteva incassare.
Jean non si fece prendere dal panico e formulò un nuovo piano - è vero, aveva ucciso per la prima volta, ma evidentemente era deciso a meditare più tardi su quanto la cosa lo avesse sconvolto.
Troppmann decise di spedire gli assegni trovati sul corpo di Jean Kinck alla moglie, Hortense, accompagnandoli con una lettera scritta per conto del marito il quale, disgraziatamente, si era “ferito a una mano” e non era quindi in grado di firmare…
In questa lettera, monsieur Kinck - si fa per dire - pregava la moglie di incassare gli assegni e di spedire il denaro alla posta di Guebwiller, dove progettava di pernottare qualche giorno con l’amico Jean.
La poveretta si fidò - non aveva motivo di sospettare alcunché - ed eseguì gli ordini.
Il denaro giunse così alle poste, ma il genio del crimine non aveva considerato di essere troppo giovane per poter ritirare il denaro spacciandosi per Kinck, e troppo vecchio per passare per suo figlio maggiore Gustave, che di anni ne aveva solo sedici.
Nessun problema, il crimine non dorme mai, né si dà mai per vinto: Jean si rifugiò a Parigi e passò al piano C, ossia scrivere una nuova falsa lettera, questa volta indirizzata al ragazzo.
Il ragazzo obbedì, ma alle poste il denaro non gli venne consegnato perché aveva dimenticato il documento di identità.
Gustave decise di raggiungere comunque suo padre nell’albergo di Parigi dove gli aveva dato appuntamento, ma quando arrivò, trovò solo il caro amico Troppmann a riceverlo. E papà? Strano.
Troppmann, non vedendo un soldo, probabilmente si sarà detto "vatti a fidare degli adolescenti!", ma ancora una volta non si diede per vinto e chiese a Gustave di scrivere un telegramma a mammina…
Inviato il telegramma, Gustave risultava inutile e pericoloso.
Dopo averlo ucciso a coltellate, Troppmann ne seppellì i resti nel campo di Pantin, a nord-est di Parigi, che poco più
tardi sarebbe diventato tristemente famoso.
Mme Hortense Kinck, nonostante fosse al sesto mese di gravidanza, accorse alla chiamata portando con sé i suoi cinque
figli.
Il sesto era troppo piccolo e venne quindi lasciato con la balia: fu l’unico membro della famiglia Kinck a sopravvivere al settembre del 1869.
Ricostruire cosa accadde quella fatidica notte tra il 19 e il 20 settembre non è cosa semplice, ma proviamoci lo stesso.
Il proprietario dell’Hôtel du Chemin de Fer du Nord - l’attuale Terminus Nord di Parigi che sorge esattamente di fronte alla stazione del Nord - sostenne che, la sera del 19 settembre, Mme Kinck si era presentata alla reception della sua
struttura accompagnata dai suoi cinque bambini.
La signora aveva domandato del marito Jean Kinck (il quale, lo ricordo, era morto stecchito in Alsazia).
Un signore rispondente a quel nome aveva effettivamente preso una stanza, ma in quel momento non era presente.
Madame chiese allora altre due camere per sé e i bambini ed uscì poco più tardi per recarsi a un appuntamento, probabilmente con il giovane Troppmann.
La notte era scesa quando una carrozza contenente la donna, i suoi cinque figli e un giovane sui vent’anni (chissà di chi  stiamo parlando?), si allontanò dalla stazione del Nord per dirigersi verso Pantin, a nord-est di Parigi.
Il cocchiere narrò di come la donna, il suo figlio più grande - tredici anni circa - e il signore che li accompagnava, fossero scesi per primi dalla carrozza, scomparendo nei pressi di un campo.
Come da ordini, il pover’uomo era rimasto in attesa e, poco dopo, vide ritornare il signore per prendere gli altri quattro bambini che, stanchi dal viaggio, dormivano in vettura.
Per il proprietario di quel campo a Pantin, la mattina seguente non sarebbe stata piacevole da ricordare.
Notando della terra smossa e qualcosa spuntare dal terreno, l’ignaro signore si avvicinò e scoprì il corpo di un bambino.
Inorridito corse a cercare aiuto. L’incubo era appena cominciato: in tutto vennero rinvenuti sette cadaveri, quello di una donna incinta e cinque bambini, di cui la più piccola aveva appena quattro anni.
Identificate rapidamente le vittime, i sospetti ricaddero subito sui membri mancanti della famiglia, ossia monsieur Kinck e il figlio maggiore Gustave, i quali vennero ricercati inutilmente per giorni. Sfido io…
L’articolo de Le Petit Journal datato giovedì 23 settembre 1869, riporta la testimonianza del proprietario dell’Hôtel du Chemin de Fer du Nord secondo il quale il famigerato “Monsieur Kinck” - che noi sappiamo essere Troppmann - sarebbe rientrato per un breve momento in albergo la mattina dopo il massacro.
Era in compagnia di un “uomo”, non dice “di un ragazzo”. Dopo essersi cambiato d’abito, Kinck sarebbe uscito senza
fare ritorno.
Le testimonianze erano confuse, contraddittorie e sempre più fantasiose, aizzate dalla stampa che, registrato un picco di vendite senza precedenti, non era mai sazia di nuovi dettagli macabri. Poco importava che fossero anche autentici.
Fu lo stesso Troppmann a tradirsi e a fornire la svolta decisiva alle indagini.
Al porto di Le Havre, un tale Wolf dall’aria piuttosto nervosa che attendeva di imbarcarsi per New York, non poté esibire il passaporto.
Gli venne ordinato di seguire un ufficiale per un accertamento e allora Troppmann - nel caso non lo aveste riconosciuto - per tutta risposta si gettò nel canale.
Non so bene cosa sperasse di ottenere, ma quel che è certo è che venne prontamente ripescato e arrestato.
Addosso gli trovarono la corrispondenza e dei titoli recanti il nome di Kinck. Non era certamente un caso per Perry Mason…
Inizialmente, Troppmann sostenne di essere stato trascinato contro la sua volontà nel terribile piano di vendetta di Jean Kinck e di suo figlio Gustave. Assetati di vendetta a causa delle infedeltà di Mme Kinck, i due avevano pianificato e commesso il massacro dell’intera famiglia per poi costringerlo ad aiutarli a nascondere i corpi nel campo del Pantin.
Difficile credere a una storia tanto astrusa.
Finalmente, dopo lungo esitare, Troppmann confessò d’aver ucciso anche Jean e Gustave Kinck.
Nel frattempo, tanto per rendere la vicenda ancor più grottesca, il campo di Pantin era divenuto il luogo di intrattenimento preferito dai parigini, la passeggiata più alla moda.
Sedicenti testimoni oculari in vena di racconti morbosi, venditori di presunte reliquie appartenute alle vittime o di vanghe per cercare cadaveri, turisti, punti di ristoro, borseggiatori… non mancava proprio nulla alla fiera degli orrori e del cattivo gusto.
Per Troppmann la conclusione fu inevitabile: la sua esecuzione in rue de la Roquette radunò una folla smisurata.
Anche quel giorno, Troppmann diede prova della sua incredibile forza e tenacia combattiva: fece saltare le cinghie, dovettero tenerlo fermo e per poco non staccò l’indice al boia con un morso.
Rimane il dubbio - più che fondato - che una persona sola avesse potuto compiere lo scempio di Pantin: durante gli interrogatori Troppmann aveva accennato a dei complici, ma si era sempre rifiutato di dire di più. Inoltre, diverse testimonianze che lo descrivono accompagnato da uno o più personaggi misteriosi. È perfettamente plausibile che Troppmann avesse assoldato dei complici per riuscire nel suo intento, ma allora perché non confessarne i nomi per ingraziarsi la giustizia?
Qualcuno ipotizzò il suo coinvolgimento con potenti gangs di falsari.
Si parlò persino di spionaggio: era l’alba della guerra franco-prussiana e i Kinck vivevano al confine con il futuro nemico. Si ipotizzò che Jean Kinck si stesse occupando di ben altro che semplici affari “borghesi”. Troppmann avrebbe collaborato con le spie prussiane per proteggere il piano dei invasione della Francia? Questo potrebbe spiegare quel "porta tutte le carte" che Troppmann fece scrivere nel telegramma a Gustave prima di ucciderlo?
Nessuna teoria è abbastanza solida.
Quel che è certo è che sulla butte più matta che ci sia, da tutti conosciuta come Montmartre e che io ho ribattezzato “Mont-Matto”, non poteva mancare un aneddoto dedicato alla follia omicida.
Fortunatamente, il Lapin Agile racconta molte altre storie di ordinaria di follia che di malvagio non hanno proprio nulla.