Vai in Nord-Sud, sotto-sezione di Download ed in Giuseppe Prezzolini.
Ci sono molti nuovi file da scaricare.
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!!. Cercate!!! Scarica!
Toggle Bar

Liriche e poesie 

Lu vecchie allu sole
'Nu vecchie sta allu sole
che trasce inte la viche,
pensa alli cose antiche,
no' dice 'na parola. 

Lu cappedducce nire;
‘nu quarte de cappotte
Sope a doie ossa rotte,
la pippa che non tira. 

No' parla, non ce move,
(resciata o no’resciata?)
lu vecchie sta 'mpalate,
uarda li cose nove. 

Ma pensa a quedde antiche:
no' dice 'na parola,
e ce scalla allu sole
come 'na ciammarica.
Giovanni La Selva
(da Liriche, Industria Tipografica Fiorentina, Firenze, 1967) 

Lu cineme
- Mechè aova sci state iere sera?
Non sci gghiute a bballà da Ferderzanne?
Ce steva 'na uagliola furastera!! … -
- So' gghíute da Pompè cu' tataranne. - 

-› Chi.Iaitanucce? ... - Scine! A iuttantanne
quidde non’eva vise ma' lu cineme!
Sempe allu vosche sta, ianne pe' ianne ... -
- E che ite viste, che ite viste, neh!? - 

- Nu filme de bandite cu' Gio Ué -
- E isse che ha dditte? - Eh, come steva attente,
tise tise cull’occhie spalazzate!
- Mbe, t’è piaciute? -, l'eie addummannate. 

- Manche 'nu poche, quiddi masckaredde!
Quedda femmena po'; che scustumata!
Ha penzate, ha apìpecciate ‘nu mmezzone ...
- Li' cavadde, però, li tenne bbòne! -
Dino La Selva 

Lu sucamèle
T’arrecurde, Gesuè, quedda matina
quanne non sapevame la lezione
e, 'mmece d'i’ alla scola, all'ammecciune
sime avviate pe' la Cavulima?
Non ce sime fermate alla Cummemte,
sime passate pe' l'Orte 'la Menta,
e assà prima che ce avessime penzate
inte la Defensa ce sime truvate.

Quante ieva belle! Ieva Premavera,
li fronne delli cerre, tutte verde,
facevene passà qua e ddà lu sole ...
cantavene cardille e terragnole
Che frescura, che pace! Quanta verde!

'Mméze alla ièreva iàveta e suttile,
ghianche e lucente come stedde 'ncéle,
te l'arrecurde, quanta sucamèle?
Come dduie verrùchele 'mpacciute

sime mise a zumpà pe' quiddu chiane,
a cogghie sciure e a sucarece lu mèle
come l'ape inte la vadda de Stignane.
Quanne ce sime belle stracquate,

cu' nu mazze de sciure 'rosse 'rosse,
sope 'na reta ce sime assettate
come duie frate, pe' magnà 'nu stozze.
Sime turnate la sera alli case,

strutte, stracciate, culli mazze 'mmane ...
”'Sti delenquente! Ova scite state?!! ...
'Mmèce d'ì alla scola”... E taccarate!
So' passate trent'anne. Me so' fatte 'rosse,

so' mèdeche, so' serie, so' 'mpurtante ...
ma quanta vòte, care Gesuèle,
vulesse turnà a cogghie sucamèle!
Dino La Selva