Dipinto di F. P. Borazio
Dipinto di F. P. Borazio

 

Non so' tutti cavaprete,
A 'stu munne a pesature,
Ma però ce stanne pure

li puete.

Lu pueta, inte li fasce,
Non ancora jè majestre;
Ma però, chi porta l'estre,

ci adda nasce.

Lu pueta non ci apprenne
Alla scola o alla puteca;
Ma però vale na streca,

se no' 'ntenne.

Lu pueta è nu sencere,
Bone, calme e razzulente;
Ma però non vale nente,

che mmestere!

Lu pueta non te' pizza
Non tè' pan'e cincurane;
Ma però manche li cane,

chi l'attizza.

Lu pueta è nu 'mpicciuse:
Li defette all'ali scrope,
Ma li sova li recrope.

Pruffediuse!

IL POETA... MA PERO'...

Non sono tutti cavapietre
in questo mondo di fregature
però ci sono pure

i poeti.

Il poeta, nelle fasce,
non è ancora maestro;
ma chi ha l’estro,

se lo porta dalla nascita.

Poeta non si diventa
a scuola o in bottega;
ma vale niente,

se non ha capacità.

Il poeta è sincero,
buono, calmo e scaltro;
ma però non vale niente,

che mestiere!

Il poeta non ha un niente
non ha pane e companatico;
ma però guai,

a toccarlo.

Il poeta è un impiccione:
i difetti degli altri svela,
ma i suoi li nasconde.

Prepotente!