Dipinto di F. P. Borazio del 1937
Dipinto di F. P. Borazio del 1937

 

Cara Lazzarine
Che cirche stramullette
Pajesane e canzunette,

e scine scine...!

E te revulge a Ciccie,
Che non te fa cuntente
Pecché non sape nente;

e certe 'mpicce,

Inte 'stu parapigghia
Che l'have ammujenate,
E strutte e abbersagghiate,

non ce li pigghia.

Però de nu cunsigghie
Da ver'e bon'amice,
Se vu', mo te lu diche:

'mbè, quante pigghie

E te revulge (accorta
E sinte) a Ciattaredde
Bonalma, puveredde,

morte e stramorte.

Se nente ce ricave,
Aggira lu pajese
E cerca Melanese,

che quidd'è brave.

Doppe ce stanne ancora,
Serridde e zi' Nicola
Paletta e Petre Mola.

Oh! dunque, allora

Mo t'e' misse alla via.
Lu scritte jè fernute,
Te manne nu salute

accuscì scia.

LA RISPOSTA A LAZZARINO

Caro Lazzarino
tu che cerchi strofette
paesane e canzonette,

e va bene...!

E ti rivolgi al sottoscritto,
che non può accontentarti
perché non sa niente;

e certe seccature.

in questo parapiglia
che lo ha frastornato,
e consumato e oppresso,

non se le prende.

Però se vuoi un consiglio
da vero e buon amico,
se vuoi, ora te lo dico:

ebbene, la cosa da fare

è rivolgersi (stai attento
e ascolta) a Ciattaredde
buonanima, poveretto,

morto e stramorto.

Se non ci ricavi niente,
gira per il paese
e cerca Milanese,

che è bravo.

Poi ci sono ancora,
Serrilli e zio Nicola
Paletta e Pietro Mola.

Oh! dunque, allora

ti ho messo sulla strada giusta.
Lo scritto è finito,
ti mando un saluto

così sia.