Li fracchie
di Sebastiano Rendina

Fracchie de legne de cente manere
fracchie d’amore de vecchie priere.
Ogni tezzone è sole cullu vele,
ogni vernicia stella che va ‘ncele.

Atturne atturne na poleva d’ore:
te ceca l’occhie ma ti apre lu core.
Lu segne de la fracchia è sacre foche
che leva li peccate da stu loche.

E la Madonna che vede e pruvvede
aiuta a quiddi che tenne la fede.
Dicime na priera tutte quante:
lu munne ‘mpace e l’ommene cchiù sante.

Le fracchie

Fracchie in legna di cento tipi / fracchie d’amore di vecchie preghiere. / Ogni tizzone è sole velato, / ogni scintilla una stella che va in cielo. / Tutt’intorno una polvere d’oro: / ti acceca gli occhi ma ti apre il cuore. / Il segno della fracchia è un fuoco sacro / che toglie i peccati da questo luogo. / E la Madonna che vede e provvede / aiuta quelli che hanno fede. / Diciamo una preghiera tutti insieme: / il mondo sia in pace e gli uomini diventino più santi.

La precessijòne delli fracchie
di Sebastiano Rendina

Quant’ammuina che pupulazijòne
mo jesce la Madonna mprecessijòne.
Pronte li lampiuncine culurate,
pronte li fracchie già tutte appicciate.

Li fracchie fanne luce alla Madonna
che cèrca lu Figghie, povera donna.
Cu li caténe ‘nfila acchiane acchiane
li tirene li ggiòne cull’anziane.

Bbèlle li fracchie quanne vampéjene
cchiù bbélle quanne li stuzzenéjene.
Lu calle delli vampe jè na carézza
che subbete diventa ma prijézza.

Pure li frustére vénne da luntane
e pe vedérle aspèttene allu chiane.
Tutte cuntènte bbattene li mane
e prèjene da bbone crestijane.

Li fracchie sò n’antica tradezzijòne
che ce rinnova cu la devezijòne.
Facimece la croce santamènte
pe la salvézza nostra e dela ggènte.

La processione delle fracchie Quanta confusione, che popolazione/adesso esce la Madonna in processione.//Pronti i lampioncini colorati,/pronte le fracchie già tutte accese.//Le fracchie fanno luce alla Madonna/che cerca il Figlio, povera donna.//Con le catene in fila piano piano/li tirano i giovani con gli anziani.//Sono belle le fracchie quando hanno le fiamme/più belle quando vengono attizzate.//Il caldo delle fiamme è una carezza/che subito diventa una gioia.//Pure i forestieri vengono da lontano/e per vederle aspettano a Largo Piano.//Tutti contenti battono le mani/e pregano da buoni cristiani.//Le fracchie sono un’antica tradizione/che si rinnova con la devozione. // Facciamoci la croce santamente / per la salvezza nostra e della gente.

L’Addulurata
di Sebastiano Rendina

Che brutta cosa: a Gesù l’énne accise,
scì l’énne misse ‘ncroce, l’énne appise.
Maria chiagne afflitta e scunsulata.
Sta povra donna quante é sfurtunata!

A’ pérse l’uneche figghie, ‘nnocénte,
pecché parlava de Dije alla génte.
Sétte li spade e sétte li dolore,
ce colpa Giuda quiddu tradetore.

Nua te sime figghie bone e care:
cu té chiagnime li lacreme amare.
So lacreme d’amore e de dolore
e da ogniuna addà spuntà nu sciore.

Madonna bella, mamma Addulurata
dacce la pace tante susperata.

L’Addolorata
Che cosa brutta: Hanno ucciso Gesù, / sì, l’hanno messo in croce, l’hanno appeso. / Maria piange afflitta e sconsolata. / Questa povera donna quanto è sfortunata! / Ha perso l’unico figlio innocente / perché parlava di Dio alla gente. / Sette le spade e sette i dolori, / la colpa è di Giuda quel traditore. / Noi ti siamo figli buoni e cari: / piangiamo con te le lacrime amare. / Sono lacrime d’amore e di dolore / e da ognuna deve spuntare un fiore / Madonna bella, Mamma Addolorata / dacci la pace tanto sospirata. //