Anemone apennina

Caratteristiche

  • Immagine: Immagine
  • Nomenclatura e sistematica:

    Anemone apennina L.: Anemone dell'Appennino. Classe: DICOTYLEDONAE, Famiglia: RANUNCULACEAE.

  • Origine del nome:

    Anemone: dal greco 'anànemos' = vento, per i fiori facilmente mossi dal vento o per il facile distacco dei tepali; apennina: dal latino 'apenninus' = dell'Appennino.

  • Comportamento ed habitat:

    Vegeta dal piano sino ai 1.500 metri. Di preferenza nel sottobosco di latifoglie.

  • Diffusione:

    Presente in tutta la penisola e in Sicilia. Manca in Sardegna e al Nord. Le foto sono state scattate nei terreni più freschi del sottobosco del querceto caducifoglio Difesa S. Matteo di S. Marco in Lamis dove cresce molto abbondante.

  • Portamento e radici:

    Pianta alta 10-35 cm con fusto rossastro e con peli. Rizoma tuberoso, tozzo, dal quale partono numerose radichette.

  • Foglie:

    Radicali: emergono direttamente dal tubero e in genere sono 3; hanno un picciuolo lungo una diecina di cm e lamina triangolare, suddivisa in 3 elementi pennatosetti; colore verde.Caulinari: poste in un solo verticillo di tre a metà fusto, con picciuolo di un paio di cm, rossastro e peloso, a lamina triangolare e pennatosette; colore verde.

  • Fiori:

    Inodori, unici, attinomorfi, al termine del fusto. Corolla dal diametro di 3-4 cm e con elementi di un solo tipo (che il Pignatti chiama petali e il Fiori sepali), in numero di circa 20 o un po' meno, lineari e ad apice ottuso, bianchi o azzurri; spesso azzurri all'esterno e bianchi all'interno. Antere giallastre; gineceo formato da un numero elevato di pistilli con un ovulo unico e situati su un ricettacolo globoso, piuttosto piccolo.

  • Epoca di fioritura: Marzo-aprile
  • Impollinazione: Entomofila
  • Frutti: Acheni pubescenti, in numero basso, con rostro ricurvo.
  • Confusione e riconoscimento:

    Sul Gargano vi sono tre specie di Anemone (almeno queste sono le specie che riporta il Fenaroli e che lo scrivente ha trovato anche se qualche esperto locale dice di aver trovato l'Anemone nemorosa che, tra l'altro, è riportata dal Pignatti per la Puglia al contrario dell'Anemone apennina, non riportata), tutte con fusto a fiore unico e a fiori non gialli:

    Foglie caulinari con peduncolo:

    • Anemone apennina L.: fiori bianchi, azzurro-violetti, con lacinie strette e lunghe (3-6 volte la larghezza) in numero di 15-20. (L'Anemone nemorosa ha 6-9 elementi lunghi due volte la larghezza, bianchi).

    Foglie caulinari senza peduncolo (sessili):

    • Anemone hortensis L.: fiori violacei, rosei o biancastri; 3 foglie caulinari intere o suddivise in 2-5 lacinie; corolla con 12-13 elementi o più, lunghi 4 volte la larghezza;
    • Anemone coronaria L.: fiori violacei, rosei o bianchi; foglie caulinari bipennatosette; elementi della corolla 6-8, ovali.
  • Utilizzo:

    Uso ornamentale
    Utilizzata per bordure in zone ombrose.

  • Curiosità:

    Le più importanti successioni di fiori del bosco Difesa S. Matteo di S. Marco in Lamis
    La prima abbondante copertura del sottobosco della Difesa S. Matteo è data da Crocus; segue la copertura data da Anemone che riveste il sottobosco con i suoi colori bianchi e azzurri; infine segue l'altra grande copertura offerta da Narcissus poeticus che in parte si sovrappone alla seconda.

Altro in questa categoria: Anemone hortensis »