Orchis tridentata

Caratteristiche

  • Immagine: Immagine
  • Nomenclatura e sistematica:

    Orchis tridentata Scop. = Orchis variegata All. Orchidea screziata. Classe: Monocotiledoni, Famiglia: Orchidaceae, genere: orchis.

  • Origine del nome:

    Orchis: dal greco che significa testicolo per la forma dei tuberi; tridentata: con tre denti; variegata: di vari colori, disposti in striature irregolari.

  • Comportamento ed habitat:

    Pascoli aridi e boscaglie, dal mare ai 1400 metri di altitudine.

  • Diffusione:

    Comune in tutto il territorio nazionale ed ovviamente anche sul Gargano.

  • Portamento e radici:

    Pianta eretta, perenne, alta 30-50 cm,fusto cilindrico. Le radici sono date da poche radichette e da 2 bulbo-tuberi.

  • Foglie:

    Le basali, in numero di 3-4, sono da lineari a lanceolate-lineari; le caulinari più piccole e guainanti il gambo. Brattee lunghe poco meno dell'ovario.

  • Fiori:

    Infiorescenza densa, globosa o conica. Sepali rosa -viola chiaro con intense nervature violetto scuro, conniventi, saldati in parte e con gli apici liberi; petali laterali conniventi. Labello trilobo di colore bianco soffuso di rosa o viola chiaro soprattutto verso i bordi oppure interamente roseo-violetto chiaro; presenza di numerose macchie violetto scuro; lobi laterali del labello +/- tozzi, lobo mediano del labello più lungo dei laterali e diviso a sua volta in due lobuli, tra i quali può esserci un dente. Sprone lungo quanto l'ovario, rivolto in basso.

  • Epoca di fioritura: Aprile-giugno
  • Impollinazione: Entomofila
  • Frutti: Capsula deiscente.
  • Confusione e riconoscimento:

    Potrebbe essere confusa con l'Orchis militaris. Però intanto questa sul Gargano pare che non ci sia; inoltre

    • Orchis militaris ha: infiorescenza prima conica e poi cilindrica, brattee e sprone lunghi 1/3-1/4 dell'ovario, lobulo mediano del labello allungato, lobuli laterali sempre divisi da un dente acuminato.
    • Orchis tridentata ha: infiorescenza conica o globosa, brattee e sprone lunghi +/- quanto l'ovario, lobuli laterali del labello non sempre divisi da un dente.
  • Utilizzo:

    Pianta a rischio come tutte le Orchidee. Pertanto, è opportuno lasciarla dove si trova e accontentarsi di ammirarla in natura o limitarsi a fotografarla.

  • Curiosità:

    Apocromia e ipercromia, Ibridazione, Introgressione. Vedi Orchis morio.
    Fecondazione e Riproduzione delle orchidee per seme (via gamica). Vedi Ophrys tenthredinifera.
    Apparato riproduttore. Vedi Orchis pauciflora.

Altro in questa categoria: « Orchis ustulata Orchis purpurea »