Tonino Cera
Tonino Cera
Ha 55 anni, dal 2001 dirige il 'Giannone' di S. Marco in Lamis.
Dedica parte del suo tempo alla politica sempre coerentemente facendo riferimento alla sinistra democratica e riformista.
Ha ricoperto ruoli istituzionali nei vari campi della pubblica amministrazione, ma i suoi interessi sono stati sempre rivolti alla scuola.

Ha fatto il Preside
1985-1986 Scuola Media Statale "Casati" Porto Garibaldi (FE)
1986-1994 Scuola Media Statale "Rodari" Apricena
1994-1995 Scuola Media Statale "Pascoli" S.Marco in Lamis
1995-1996 Liceo Scientifico "E. Meda" Montegiorgio (AP)
1996-1998 Istituto di Istruzione Superiore "Giordano" Monte Sant'Angelo
1998-2001 Istituto di Istruzione Superiore "Minuziano" S. Severo
dal 2001 dirige Istituto di Istruzione Superiore "Giannone" S. Marco in Lamis

Innanzitutto vi chiedo scusa se vi faccio perdere un pò del vostro tempo, ma non vi sono molti altri mezzi per comunicare con voi.
Mi chiamo Antonio Cera (molti di voi affettuosamente mi chiamano Tonino), mi occupo tra le altre cose anche di politica, ma di quella che si mette al servizio della comunità. Tuttavia, il mio lavoro si svolge nella scuola. Infatti, dopo alcuni anni di insegnamento dal 1995 sono preside e dall'anno scolastico scorso dirigo l'Istituto di Istruzione Superiore 'Giannone' di S. Marco.
La mia carriera scolastica si è svolta anche in altre regioni (Emilia e Marche), oltre che in alcuni comuni della nostra provincia. Avrei avuto, quindi, la possibilità di collocare la mia attività in zone più ambite del nostro paese. Ma il cuore mi ha sempre portato tra questi monti dove la roccia vive e gli alberi respirano canzoni antiche. Ecco perché ho accettato l'invito che mi è stato rivolto dai Democratici di Sinistra di S. Marco e di Rignano a rappresentarli alle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale di Foggia: l'amore per questa mia terra cosi bella eppure cosi martoriata. Perché, purtroppo, di questo si tratta: di vero e proprio scempio perpetrato da incompetenti o, peggio, da nullafacenti arrivati alla gestione della cosa pubblica per inspiegabili ragioni o, semplicemente, per sbarcare il lunario. Tuttavia la politica è cosa nobile e seria. Mettersi, dunque, al servizio delle proprie comunità con tutta la competenza maturata in anni di duro e conscenzioso lavoro non può che essere un dovere verso se stessi e nei confronti delle cittadine e dei cittadini. E poi, non sono un voltagabbana, la mia scelta di vita è quella della solidarietà, della giustizia, della difesa dei diritti della persona. Scelta vissuta alla luce del sole e con il coraggio dell 'appartenenza sia quando si vince, sia quando si perde. E alla luce di tutto ciò che chiedo a voi tutti di sostenermi in questa diffìcilissima competizione elettorale.
Fiducioso, vi saluto con ogni cordialità

Alla Provincia per Sammarco e per Rignano
Occorre continuare a lavorare nel solco tracciato dalle amministrazioni di centrosinistra guidate con accortezza e lungimiranza dal presidente Pellegrino. In questi anni la Provincia di Foggia si è affermata come soggetto propulsore delle innovazioni nei diversi settori della scuola, dei trasporti, del turismo, dell'ambiente fino alle questioni delicatissime della sicurezza e dell'occupazione. S. Marco e Rignano proprio di questo hanno bisogno di lavoro per i nostri giovani perché le due comunità possano avere futuro.
E quindi:
• Borgo Celano può servire alle due comunità poiché è posto al centro del loro territorio
• Occorre puntare con forza a potenziare le infrastrutture esistenti e a crearne di altre più moderne
• La strada Rignano - Borgo Celano - S. Giovanni Rotondo può essere l'avvio della ripresa; cablare l'intera area per coniugare locale e globale; servizi infrastrutturali legati al turismo e al tempo libero
• S. Marco e Rignano possono fare affidamento sulle scuole per creare sviluppo:

  1. Corsi per i giovani con fondi U.E

  2. Iniziative legate ai monumenti e ai siti storico - culturali - archeologici

  3. Le scuole superiori di S. Marco come volano per la cultura come risorsa: realizzare il teatro presso il nuovo 'Giannone' di Vìa Frassati

  4. Creare le condizioni per corsi post scuola media a Rignano

• Dare la massima importanza ai temi delle fonti energetiche e alla gestione dei rifiuti ricercando siti a basso impatto ambientale e ad alto valore occupazionale ed economico
• L'acqua del nostro ricco sottosuolo come risorsa per la sua conservazione e per un suo utilizzo razionale e conveniente

Antonio Cera