Novembre - La dote
Novembre - La dote
Celebrato il matrimonio, parenti e amici si congratulano con gli sposi, mentre Velina e Seppantonio fanno ritorno a casa.
Per strada si parla dell’evento, si chiacchiera e si spettegola anche sulla dote ricevuta dai due sposini.

Sentime questa femmena che parla
Culla cumpagna che la dà avvudenzia:
Chi dice e chi responne: "Sa’ la ciarla?
Dice che Vela ha date cumbedenzia
A numare de giune." "Che Maria!
Serrave cacche 'nzànzera: è buscìa.

"Però jè bella fatta e te’ li panne".
"E gghisse, è pure tante belle fatte!
E sta bone: che jessene truvanne".
"Che te cride che te’, li panne a quatte,
Cu' qualche vestetedde delli scarte;
Tise tise, senz'arte e senza parte...

Po' noll'hada vedé 'ssu gnettecute
Che alla fatia poche ne li 'ncodda".
"Jessa alla fina, pure che hav'avute:
Dui cinciaredde sule e senza dodda".
"E no, pecché...! S'avima dice invece,
Hav'avute li belle pann'a dece".

"Ma dice che so' robbe assa' cuzzegne
Che ne l'ha ammappuliate la ziana".
" Uh! la ziana...! Quedda magnaregne...
Che l'ha date? Na manta 'merecana".
"I' sacce che l'ha date na cuperta
De tappete; e de quistu po' so' certa:

E' tutta ricamata a quatte file,
De nu culore, po'... tante pulita
Che tu vedisse quante fa civile...
E gghisse ha pure avute la 'mmuttita
Cullu lette non sacce a quanta piazze".
"Ma nude e crude e senza matarazze..."

"Mbè, ci stanne li frusce... E gghiessa allora,
S'ima dice lu fatte, s'ima dice,
Jessa non te' la machenetta ancora
Senza pajata?" "Ancora? Uh! neracice!
I' non sapeva nente... Sentessite...
E spenne nu trasore pe lu 'mmite...! 

Sentiamo questa donna che parla
con l'amica che le presta orecchio:
una dice e l'altra risponde: "Sai la ciarla?
dicono che Vela ha dato confidenza
a molti giovanotti". "Eh, Maria!
Sarà una dicerìa: è bugia.

"Però è bella ed ha il corredo".
"Anche lui è tanto ben fatto!
e sta bene: che hanno da dire".
"Ma che credi che abbia, un corredo a quattro,
con qualche vestituccio dei più scadenti;
nudo e crudo, senz'arte e senza parte...

Poi lo vedrai, 'sto tisicuccio
che di lavorare poco gliene importa".
"Ed anche lei, in fin dei conti, che ha avuto:
due straccetti solo e senza dote".
"Eh no, come...! Se dobbiamo dire la verità,
ha avuto un corredo a dieci a dieci".

"Ma dicono che è roba molto rozza
che gliela ha raffazzonata la zia".
"Ah, la zia! Quella mangiaregni...
che cosa le ha dato? Una coperta americana".
"Io so che le ha dato una coperta
lavorata; e di questo poi sono certa:

E' tutta ricamata a quattro fili,
di un solo colore, e poi... tanto elegante
che vedessi come fa figura...
E lui ha pure avuto la trapunta
con un letto a non so quante piazze".
"Ma nudo e crudo e senza materassi..."

"Beh, ci sono le foglie di granturco... e lei allora,
se vogliamo dire la verità, se vogliamo...
lei, non ha la macchina per cucire ancora
non pagata?" "Ancora? Uh, santo cielo!
Non ne sapevo niente... ma che roba...
e spende una fortuna per il convito...