Ottobre - Corteo nuziale e matrimonio
Ottobre - Corteo nuziale e matrimonio
Altro che Traione: nel pagliaio c’erano niente meno che Velina e Seppantonio, i dui fidanzatini scomparsi per la classica fuitina. Abbracciati e accolti da parenti e amici, che ormai li davano per morti e in pasto al feroce mostro, i due amanti e la folla intera fanno ritorno al paese per preparare e celebrare le nozze e dimenticare, con questo lieto evento, la paura e il pericolo ormai scampato.

La Zita, cullu vele, tutta gghianca,
Arriva sottabraccie allu Cumpare;
Seppantonie è de tubbe che ci affianca
Alla Cummara vestuta de chiare;
Appresso ve' la mamma, Catarina,
Abbraccette allu patre de Velina;

Po', cullu mantature chiù pulite
Ve' la mamma de Vela che scudeja
Abbraccett'allu patre dellu Zite;
Chiù appresse avanza in fila la cungreja
De tutte li chiù prossime parente,
Strigghiate, 'mpusemate, e allegramente;

E po' na coda logna de 'mmetate,
Vestute a festa, in fila, a cocchia a cocchia,
Cu' na speranza 'ncore de prupate.
E mo che so' arrevate alla Parrocchia,
Tràscene e c'incamminene li Spose
Pe' sope nu tappete - fiure e rose -.

Inte nu vele jàpele e leggere,
Gghianca come la 'mbonda de na schiocca
Trema Velina chiù dell'atu jere.
Culla corona 'ncape e culla 'nnocca
De seta, meza meza e abbruvegnosa,
Pare na palummedda paurosa.

Seppantonie vestute de vigogna,
Culla scolla de seta, chiù ci accosta:
Sta calme calme e non ci n'abbrevogna,
Anzi, se lu vedisse come 'ntosta.
"Silenzio! S'incomincia ch'è già l'ora.
Faciteve chiù qua nu poche ancora".

La sposa, con il velo, tutta bianca,
arriva sotto braccio al compare;
Seppantonio, elegantone, si affianca
alla comare vestita di chiaro;
appresso viene la madre, Caterina,
a braccetto al padre di Velina;

Poi, con lo scialle più di lusso
viene la madre di Vela che scodinzola
a braccetto al padre dello sposo;
dietro avanza in fila la congrega
di tutti i più stretti parenti,
strigliati, inamidati e allegramente;

e poi una coda lunga di invitati,
vestiti a festa, in fila, a due a due,
con una speranza in cuore di propato.
Ed ora che sono arrivati alla Parrocchia,
entrano e s'incamminano gli sposi
sopra un tappeto di fiori e di rose -.

In un velo vaporoso e leggero,
bianca come un'ala di granturco soffiato
trema Velina più dell'altro ieri.
Con la corona in testa e con un nastro
di seta, un po' pudica e vergognosa,
sembra una tortorella paurosa.

Seppantonio vestito di vigogna,
con la cravatta di seta, di più s'avvicina:
sta calmo calmo e non si vergogna,
anzi, se lo vedessi come sta impettito.
"Silenzio! S'incomincia ch'è già l'ora.
Fatevi più in qua un poco ancora".