Agosto - La spedizione
Agosto - La spedizione
Viene battuto ogni angolo, ogni anfratto, per monti e pianure, per poggi, canaloni e doline, in silenzio e pronti a tutto pur di sconfiggere il mostro. Finalmente un rumore, proveniente da un canale e l'allerta. Lu Trajone è in agguato e il manipolo di uomini che è sul posto si prepara ad affrontarlo.

E camina, e camina pe' 'ssu munne,
Passa muntagne e passa pedecagne,
Passa cuppate canalate e funne;
Camina pe' murìteche e sulagne,
Accuppanne culette e fosse e ponte,
E semp'all'erta e l'armature pronte.

Chi da qua, chi da ddà, senza fa' mutte,
A cocchia, a grupp'a squadre ed a truppedde,
Vanne li cacciature pronte a tutte.
Chi cu' na forca, chi cu' nu rastedde,
Vanne esploranne pe' li mulattere,
Tutte li macchie e tutte li macere.

Appustata a nu punte allu scuperte
Ci sta na cumpagnia che ispeziona.
"Sulenzia! Nu remore! E' gghisse! E' certe!
E' lu Trajone!" fa lu Capozona.
"Nu rumore suspetto aggio sentuto...
Da int'allu canale ddà ènn'asciuto".

Lu sottoscritt'ha fatte na pensata:
Cioè p'assicurà tutta la fodda,
Avima fa' na specie d'avanzata
(Sempe s'avite pette e ve ne 'ncodda)
N'avanzata pe' chiude queddi vie
Da dove c'è sentute lu manìe.

E senza fa' nu poche de dammai,
Bisogna circondà tutte lu loche
(Senza parlà, pecché se no so' guai).
Preparateve l'arma e a poc'a poche
Aggualateve 'nterra e allu segnale
Cu me avanzate verse lu canale".

E cammina e cammina per 'sto mondo,
passa montagne e passa pianure,
passa poggi canaloni e doline;
cammina per zone ombrose ed assolate,
scavalcando cunette e fossi e ponti,
e sempre all'erta e le armi pronte.

Chi di qua, chi di là, senza far motto,
in coppia, a gruppi a squadre ed a gruppetti,
vanno i cacciatori pronti a tutto.
Chi con una forca, chi con un rastrello,
vanno esplorando per le mulattiere,
tutte le macchie e tutte le macere.

Appostata ad un punto allo scoperto
c'è una compagnia che ispeziona.
"Silenzio! Un rumore! E' lui! E' certo!
E' il Trajone!" fa il Capozona.
"Un rumore sospetto ho sentito...
da dentro quel canale là è uscito".

Il sottoscritto ha avuto un'idea:
cioè, per assicurare tutta la folla,
dobbiamo fare una specie di avanzata
(sempre se avete cuore e avete voglia)
un'avanzata per chiudere quelle vie
da dove si è sentito l'armeggio.

E senza fare il minimo danno,
bisogna circondare tutto il luogo
(senza parlare, perché se no son guai).
Preparatevi l'arma e a poco a poco
rannicchiatevi a terra e al segnale
con me avanzate verso il canale".