Luglio - Continua la rassegna
Luglio - Continua la rassegna
Ecco sfilare alcora tanti uomini di valore pronti ad affrontare il pericolo per salvare l’intera cittadinanza. Tutta quella folla, poi, lentamente si allontana e scompare all’orizzonte prendento le strade più disparate per andare a fronteggiare e sconfiggere il mostro.

Vide quiddi scarpune culli 'nnocche
Che pennene e che volene pe' 'nciele?
Mo passa nu pilota culli fiocche:
L'eclettico inventore Gisuele
Che non è sciocche e vola e ci ne fotte
Cu' quiddi belle baffi alla Charlott.

Facitelu passà a cumpà Benzina:
Quiss'è quiddu Mattè pede-leggere...
Vedìtelu vedì come camina
Culla visaccia e culli strangunere.
E chi lu vo' abbentà culla parrocca?
Allu Trajone hadda spaccà la ciocca.

Ve' doppe na cinquina di cervella,
Che so': nu ragiuniere ch'arragiona
E n'avvucate senza la parcella
E nu 'ngignere cu na 'deja bona
Lu quarte è nu dottore risanate
E infine nu majestr'ammajestrate.

Uh! Che fodda, che fodda, mamma mia!
E chi li conta chiù? Non è chiù cosa!
Ben armata la fodda passa via,
Oltraggiosa, decisa, valorosa;
Ci mena pe' li coppe e ci sparpagghia.
Vola, sparisce, corre e ci la squagghia.

Tutta la gente com'anime perse,
Atturn'allu pajese, pare pare,
Va pe' li Schiavunesche e pe’ li 'mmerse,
Pe' la Difensa e pe' lu Cuncimare.
Certe ch'a mez'a quistu parapigghia
Allu Trajone, sa' come li trigghia.

Vedi quegli scarponi con i fiocchetti
che pendono e che volano per il cielo?
Mo passa un pilota coi fiocchi:
l'eclettico inventore Giosuè
che non è sciocco e vola e se ne fotte
con quei bei baffi alla Charlot.

Fatelo passare a compar Benzina:
costui è quel Matteo piede leggero...
guardatelo, guardate come cammina
con la bisaccia e con i gambaletti.
E chi riesce a batterlo al bastone?
Al Trajone gli spaccherà la testa.

Viene dopo una cinquina di cervelli,
che sono: un ragioniere che ragiona,
un avvocato senza la parcella
un ingegnere con un'idea buona
il quarto è un dottore risanato
e infine un maestro ammaestrato.

Uh! Che folla, che folla, mamma mia!
E chi li conta più? Non è più cosa!
Ben armata la folla passa via,
coraggiosa, decisa, valorosa;
prende per la montagna e si sparpaglia.
Vola, sparisce, corre e se la squaglia.

Tutta la gente come anime perse,
attorno al paese numerosa,
va per le Schiavonesche e per le balze,
per la Difesa e per il Concimaio.
Certo che in mezzo a questo parapiglia
al Trajone, sai come gli si aggriccia.