Giugno - Rassegna delle truppe
Giugno - Rassegna delle truppe
La corte ormai si ritira e la folla un po’ disorientata non sa di preciso cosa fare; chi sospira, chi grida, chi saluta, chi corre a dare un bacio ai propri figli. Come quando d’estate si vede uscire fuori dalla terra un formicaio, così quella folla, armata di coraggio, si avvia per la periferia e muove verso il camposanto, dove viene passata in rivista dal sindaco in persona.

Come quanne d'estate dalla terra
Vide scasà nu nide de furmiche
Che jescene a migghiara a fa' la guerra;
Accuscì quedda fodda che non diche
Ascevene a migghiara fore fore
Armate de curagge e de valore.

Eccheli! Mo ci accosta pe' la via
Già lu prime scaglione: so' na ponta!
Ecco mo ve' la prima cumpagnia.
Ecco, sonn'arrivate faccifronta
Allu Sinneche 'nnanzi alla tribuna,
Da dove li cuntame a juna a juna.

Chi è che cull'acchiale ci avvucina?
Isse me pare e gghisse non me pare...
Tutte vritte di sagne e di farina
Che pare nu vuccere-mulenare.
'Mbé quiss'è gghisse: quissu cicoline...
E' quissu lu nipote rizeline.

Faciteve chiù ddà. Non lu canusce?
Vi', porta lu cacchiole e n'occhie sule.
Non vogghia ddi' quidd'occhie vede rusce...
Fa ponta, e coda peje de nu mule;
E culli pede e culla mazza 'mane
Ci la pigghia cu' cane e cristiane.

Scansatevi Mo ve' Mattè lu 'mpise
E dice che li puzza lu mustacce.
Come li puzza! E già, quiss'è lu Presidente
dellu cunsiglie delli pacce
Ch'hanne jurate che hanna fa’ a purchetta
Se trovene la bestia maledetta.

Appress'a 'sta pariglia arriva 'ntromba
Questa terziglia d'ommene da bene.
Un'è na ciocca che a ciuccà rimbomba,
L'atu è na ciocca che ferma nu trene
Lu terze, azzanna zappe cu' la capa.
E tutt'e tre so' tre ciocche de rapa.

Come quando d'estate dalla terra
vedi scasare un nido di formiche
che escono a migliaia a far la guerra;
così quella folla che non dico
uscivano a migliaia per la periferia,
armati di coraggio e di valore.

Eccoli! Ora s'accosta per la via
già il primo scaglione: sono un sacco!
Ecco ora viene la prima compagnia.
Ecco, sono arrivati di fronte
al sindaco davanti alla tribuna,
da dove li contiamo a uno a uno.

Chi è che con gli occhiali si avvicina?
Mi pare lui e non mi pare lui...
tutto sporco di sangue e di farina
che pare un beccaio-molinaio.
Ebbene, è proprio lui: 'sto ciecolino...
e questo è il nipote rassettino.

Fatevi più in là. Non lo conosci?
Vedi, porta il cappiolo ed un occhio solo.
Non voglia Dio che quell'occhio veda rosso..
Fa testa e coda peggio di un mulo;
e con i piedi e con la mazza in mano
se la piglia con cani e cristiani.

Scansatevi! Mo viene Matteo il Dritto
e si dice che gli puzzano i mustacci.
Come gli puzzano! E già, costui è il presidente
del consiglio dei pazzi
che hanno giurato che faranno a porchetta,
se la trovano, la bestia maledetta.

Appresso a 'sta pariglia arriva in tromba
questa terziglia di uomini dabbene.
Uno è una testa che a cozzare rimbomba,
l'altro è una testa che ferma un treno,
il terzo ammacca le zappe con la testa.
E tutti e tre sono tre teste di rapa.