Marzo - La scomparsa dei fidanzati
Marzo - La scomparsa dei fidanzati
Mentre le donne pregano e gli uomini più istruiti cercano una soluzione all’annoso problema, i più si chiudono in casa per salvare la pelle. I monaci snocciolano giaculatorie e padrenostri e i fedeli corrono a pregare nelle nicchie i santi. D’improvviso si sparge una terribile notizia e un forte clamore rompe questo silenzioso raccoglimento.

Frattante tutte stevene recote:
Ecco tutte na botta, ecco nu gride
Ammurtalate!... A chi li ve' lu mote...!
Chi fa lu votta votta...! E che te vide!?
Lu parapigghia...! Dice che Trajone...:
Qua pare che ce joca allu mentrone.

La nova l'ha purtata na figghiola
Tutta tremanne a dente e scalemata
Che no' 'ntuppava a dice na parola.
Ma siccome è fernuta la passata
E avima mette mane a n'atu canto,
Tutte lu fatte l'arroccante 'nnante.

Frattante steva 'ncrapenata 'ncima
Della macera, vote l'occhie e vede,
Sope l'erbetta della Cavulima,
Velina e Seppantonie allu cinede,
Che facevene a lotta zita e zite
E che ce suttecavene avvunite.

Quand'ecco che te sente nu scunquasse:
Nu fischie surdelline fine fine,
E po' te vede quasa a cente passe
Nu mostre tutte foche e tutte spine,
Cu' sette vocche aperte di demonie,
E ci ha magnate a Vela e Seppantonie.

Frattanto tutti stavano raccolti:
ecco tutto ad un tratto, ecco un grido
di morte!... A chi gli prende un colpo...
Chi fa a spingi spingi...! E che ti vedi!?
Il parapiglia...! Altro che Trajone...:
Qua pare che si giochi al mucchione.

La nuova l'ha portata una ragazzina
tutta tremante a denti ed affannata
che non riusciva a dire una parola.
Ma siccome è finita la passata
e dobbiamo mettere mano ad un altro canto,
tutto il fatto lo racconto avanti.

Mentre stavo arrampicata in cima
alla macera, giro l'occhio e vedo,
sopra l'erbetta della Caulima
Velina e Seppantonio, sul morbido,
che scherzavano a far la lotta
e si rincorrevano a vicenda.

Quand'ecco che sento uno sconquasso:
un fischio acuto sottile sottile,
e poi ti vedo quasi a cento passi
un mostro tutto fuoco e tutto spine,
con sette bocche aperte di demonio,
e s'è mangiato Vela e Seppantonio.