Febbraio - Preghiera a S. Michele
Febbraio - Preghiera a S. Michele
L'infida bestia scendeva silenziosamente con le froge fumanti e s'appiattava sorniona a qualche murgia in attesa di agguantare qualche sammarchese e, come un furbo malandrino, non frequentava mai le stesse contrade per prendere la gente di sorpresa.

Spupulava li stadde e li famigghie;
Ce strafucava crape, ciucci, mule,
E vacche dilli mamme e dilli figghie,
Femmene e zite, jòmmene e uagliule;
Ce dupanava n'ome o nu mentone
Come na caramella: nu veccone.

Tutte li mamme delli criature
Currèven'a prià Sante Michele
Pecché non ci sentevene sicure;
E disperate, culli mane 'nciele,
Stevene a fa': "Sante Michele nostre
Dellibra 'sti nucente dallu mostre!

Principe dell'Arcangele e Campione,
Sante Michele mia, sinte 'sta voce...
Sante Michè, Sante Michele Bone,
Sint'a 'sta mamma.. lèvece 'sta croce...
Pènsece tu. Sante Michele mia,
Sint'a 'sta mamma, sinte... e accusa scia!”

Spopolava le stalle e le famiglie;
Divorava capre, ciucci, muli,
e vacche mamme e vacche figlie,
donne e donzelle, uomini e ragazzi;
si dipanava un uomo o un montone
come una caramella: un boccone.

Tutte le madri di famiglia
correvano a pregare San Michele
perché non si sentivano sicure;
e disperate, con le mani al cielo,
dicevano: "San Michele nostro
libera questi innocenti dal mostro!

Principe degli Arcangeli e Campione
San Michele mio, senti 'sta voce...
San Michele, San Michele buono
senti 'sta mamma... levaci 'sta croce...
pensaci tu, San Michele mio,
senti 'sta mamma, senti... e così sia!"