Gennaio - Lu trajone
Gennaio - Lu trajone
Narra il poeta di un fatto che fa rabbrividire e racconta del valore di alcuni uomini che hanno affrontato il Drago che minacciava l’intera cittadina di S. Marco.
Ad ispirarlo una musa ‘sui generis’: un grillo ed una cicala, una rana nello stagno ed un ciuccio che ragliando li accompagna.

Steva na vota - dunqua - nu Trajone
Che asceva spisse spisse dalla tana,
E, renze renze, dallu Canalone,
Calava inte la Vadda della Jana,
Pe' fise quasa all'Orte lu Signore
Cu' sagne e carna umana a fa' l'amore.

Teneva, 'stu serpente, sette ciocche,
E p'ogni ciocca sette corna d'osse,
Sett'occhi, sette recchie, sette vocche,
E p'ogni vocca sette dente grosse,
Cu' sette legne a forca appezzutate,
Come fossene fàvece affilate.

Teneva sette code (arrete sette!)
Logne sette pe' sette serpe nere,
Capace do 'mmuccà sette carrette,
Sette cavadde o sette trajnere;
E sciunniava all'aria puntettate
Come sette puntette de scrujate.

La pedda scura jeva a boche boche;
Cacciava dalli frosce fum'e fele;
L'occhie de calamita sagne e foche,
Sfucàvene vernice fise 'nciele;
E dalla vocca: vampe, schiuma e fume
E vernice de foche e sagne a grume.

C'era una volta - dunque - un Trajone
che usciva spesso spesso dalla tana
e, di soppiatto, dal Canalone
calava nella Valle della Jana
fino quasi all'Orto del Signore
con sangue e carne umana a far pastura.

Teneva, questo serpente, sette teste,
e per ogni testa sette corna di osso,
sette occhi, sette orecchie, sette bocche,
e per ogni bocca sette denti grossi,
con sette lingue appuntite a forca,
come fossero falci affilate.

Teneva sette code (ancora sette!)
lunghe sette per sette serpi nere,
capaci di ribaltar sette carretti,
sette cavalli e sette carrettieri;
e menava sfiocchettate all'aria
come sette fiocchetti di frustino.

La pelle scura era a pezzami;
cacciava dalle froge fumo e fiele;
gli occhi di calamita sangue e fuoco,
mandavano scintille fino al cielo;
e dalla bocca: vampe, schiuma e fumo
e scintille di fuoco e sangue a grumi.