FA IURNE

Chicchirichì - lu sinte lu iadducce?
Lu cuntatine mette sotta lu ciucce,
e ah!, alla campagna.

Càntene li vucelle, la ièreva addora.
Quant'è bella 'sta muntagna,
quanta luce inte stu core!

VINTIQUATT'ORA

Alla campana de la Chiesia Madra
responne Sant'Antone;
treia, cinche e sette 'ntocche,
che prijezza quistu sone!

La iaddina ci ammasciona,
lu pucine ci arrecona.
Treia, cinche e sette 'ntocche,
la iurnata ce n'aiiesce,
c'è chi more e c'è chi cresce.

Quessa è l'ora bella e santa:
perdunàme a tutte quante.
Mo la luna ci avvucina,
ce resbégghiene li stelle
e ci addórmene li sciure.
S'arrevàme a crammatina,
quanta festa de chelure!

Treia, cinche e sette 'ntocche,
la campana sona sona:
imparame a ièsse bone!

LU TRASORE

M'hanne ditte che sope Castedde
sta 'mmucciate nu grande trasore.
I camine, camine e camine
fin'a quanne lu sole ce more.

La canosche 'sta grande muntagna,
pare fredda e t'appiccia lu core,
pare vascia e te stracqua li pede,
e li spine te danne delore.

I camine, camine e camine
e non vede stu grande trasore.
Mo me pare che sonn'arrevate:
a Castedde ce sta nu pastore.

Sta 'ssettate cuntente cuntente,
doie pécure fanne l'amore.
Alla cima de Monte Castedde
ce sta ièreva, ièreva e sciore.

Ce sta ièreva, ièreva 'nturne,
non ce sente nisciune remore
e ce vede lu mare e lu ciele:
lu trasore lu tè lu pastore.

Gallo paesano ('iadducce')
Gallo paesano ('iadducce')

Un asino ('ciucce')
Un asino ('ciucce')

Il campanile della Collegiata ('Chiesia Madra')
Il campanile della Collegiata ('Chiesia Madra')

'lu pucine ci arrecona'
'lu pucine ci arrecona'


M'hanne ditte che sope Castedde....

Le rovine di Castelpagano viste da Iancuglia.
Le rovine di Castelpagano viste da Iancuglia.