E' pronta la sezione dedicata alle Acli in Scrittori>>>Sebastiano Contessa. Oppure scarica il libro completo presente nella sezione dedicata al Gargano (Clicca su Download!)
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!! Download
Toggle Bar

LA SERENATA

Affaccete, Marì, a ssa funestra,
mitte nu poche d'acqua inta ssa rasta,
lu sciore ènn asseccate e non addora,
affàccete, Mari, nu quarte d'ora!

Iè mezanotte e sta lu sole ancora,
lènn'ammucciate inte quiss'occhie tova.
Fatte vedè nu poche a ssu cunturne,
affàccete, Marì, fa' mezeiurne!

L'ANGELIDDE

T'éi sunnata quanne iève
tutte 'nciele nu sblennore:
n'angelidde, luce e amore,
me spiava e i' durmeva.

I' durmeva e te sunnava,
te deceve: 'Tu si' bella,
sinn'ascenta da na stella',
e parlanne me vutava,

me sbutava inte lu lette.
Luce e amore, l'angelidde
m'attentava li capidde.
I' deceve: 'Sente 'mpette

na carezza tutta mèle.
Tu si' bella e si' 'mmenuta
finalmente: si' 'mmenuta
dalla terra o dallu ciele?'

L'angelidde, amore e luce,
ce credeva che cu 'gghisse
i' parlava, e spisse spisse
zenniava, bell'e dduce.

Ma, vutanneme e sbutanne,
quisse nome tova éi ditte:
l'angelidde, afflitte afflitte,
ce n'è gghiute pe sett'anne.


Ciro Iannacone e Daniela Milanese interpretano 'La serenata'

Il vecchio sentiero che attaversava la Valle di Vituro, diretto a S. Marco in Lamis. I 'cozzi' lo dovevano percorrere provenendo dalla pianura del Tavoliere ('mpugghia')
Il vecchio sentiero che attaversava la Valle di Vituro, diretto a S. Marco in Lamis. I 'cozzi' lo dovevano percorrere provenendo dalla pianura del Tavoliere ('mpugghia')

'Pagghiare' sul ciglio della Valle di Vituro.
'Pagghiare' sul ciglio della Valle di Vituro.