E' pronta la sezione dedicata alle Acli in Scrittori>>>Sebastiano Contessa. Oppure scarica il libro completo presente nella sezione dedicata al Gargano (Clicca su Download!)
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!! Download
Toggle Bar

DEDICA

S. Marco in Lamis, Scuola Elementare 'Balilla', A.S. 1933-34. La classe di J. Tusiani con il maestro Luigi Martino.
S. Marco in Lamis, Scuola Elementare 'Balilla', A.S. 1933-34. La classe di J. Tusiani con il maestro Luigi Martino.
Ei, bona gente, bona gente mia,
te done a te tutte lu core mia.

Te penze sempe tutte li mumente:
tegne la nustalgia de lu cummente.

Te penze sempe tutte li menute:
respùnneme, respunne a stu salute.

Come iesce nu mese e n'atu trasce,
i' te manne lu core e trenta uasce.

Meninne e grosse, malate e furzante:
ve manne nu salute a tutte quante.

Il Convento di S. Matteo a S. Marco in Lamis.
Il Convento di S. Matteo a S. Marco in Lamis.
Se i' tenesse nu cuntale d'ore,
i' ve lu desse a vuva cu tutte lu core.

Ma tegne sule nu penzere ardente,
e iè pe' vuva: i' non vogghie nente.

I' vogghie sule che me recurdate,
come se fosse nu figghie, nu frate.

LA METENNA

Una masseria sul Gargano
Una masseria sul Gargano
- Va 'nnante culla fàvecia lucenta
e i' te vegne appresse speculanne.
Lu rane iè d'ore, lu sole iè cucente,
ima fà li prupate a capedanne.

- Cummà, iè troppe forte quistu sole
e li manocchie pàrene appicciate.
Iàme nu poche all'ombra sule sule,
sotta du cerre non ce sta la state.

- Va 'nnante culla fàvecia ammulata
e quidde che tu linze i' recogghie.
Citte cumpà, stegne tutta sudata
e na pulemenìa nolla vogghie.

Una tavoletta votiva dipinta del Santuario di S. Matteo a S. Marco in Lamis
Una tavoletta votiva dipinta del Santuario di S. Matteo a S. Marco in Lamis
- I' non ce crede alla pulemenìa
quanne na bella giona sta vucina.
Te passa freve e te passa 'gnincria
e la notte te pare na matina.

- Cumpà, iènn'allu vere che lu figghie
de Petre lu ferrare mo ce vénne
la ferraria cu tutte lu stigghie?
Me l'ha ditte la sore chiù menenna.

- L'ha sentuta, dumènneca passata,
la serenata alli treia de notte?
Ma tu pecché non te sinn'affacciata?
Se t'affacciave, me vedive sotta...

Primavera sul Gargano
Primavera sul Gargano
- E l'ha sapute, cumpà, che 'Ntunetta
la cuscetricia ha rumaste lu zite?
Facce mie, prima iè gghiuta a braccette
e mo ce uasta tutte lu cummite.

- Cummà, non sacce nente. Sule sacce
che i' te vogghie bene e me vi' 'nzonne,
e quanne non te vede i' so pacce
e non raggione, corpe lu... paponne.

- Cumpà, no iastumanne. Se so sciure
anna sciurì. Citte, mo vè mammuccia
e te ponne sentì li meteture.
Fa propia calle inta sta restoccia...

E mmite, e mmite, e mmite,
inte lu rane sta la zita.
Fatìa, fatìa, fatìa,
sotte lu cerre la zita mia.