Ingresso del Cinema Comunale di S. Marco in Lamis.
Ingresso del Cinema Comunale di S. Marco in Lamis.

Pompeo De Palma, gestore del Cinema comunale
Pompeo De Palma, gestore del Cinema comunale

Una rappresentazione dell'epoca tenuta nel Cinema comunale.
Una rappresentazione dell'epoca tenuta nel Cinema comunale.

Una locandina di un film proiettato nel Cinema comunale. Il film in questione è del 1941
Una locandina di un film proiettato nel Cinema comunale. Il film in questione è del 1941

Interno del Cinema comunale.
Interno del Cinema comunale.

Localdina de 'Il tesoro di Montecristo' del 1954.
Localdina de 'Il tesoro di Montecristo' del 1954.

 

Sunate banniste, facite l'orchestra,
Cantate zitelle, vestiteve a festa,
Figghiule e figghiole ascile abballà.
Lu cinema chiuse pecché è sderrubbate
Lu palche na sera dell'anno passate,
Li porte alli gente spalazza pescrà.

E mena, faciteve tutte capace,
Zumpate e lu core mettiteve 'mpace:
Che tutt'è già pronte, bon preste ce fa!
E come na vota, v'aspetta la sera,
Na seggia sduata, nu filmo Scalera
E forse ogni tante nu gran varietà.

E come na vota: pellicole strutte:
Stuccate, 'ncullate, li filme chiù brutte,
Murenne affucate, currite a vede;
Pajate lu poste, tacite 'sta spesa!
Mettiteve 'nterra o pure alla tesa
'Nsaccate e la loggia facile cadé.

Lu stesse de prima: chi trasce, chi votta
Chi sputa da sope, chi allucca da sotta,
Chi fuma, chi grida: Orario, Pompè!
Chi trasce sincere ce n'esce 'nturtate;
Chi trasce già brille ce n'esce sbenate,
Pecché, menestranne, li passa e ve' 'nsé.

Chi trasce a vintotte.
Chi mena cazzotte.

L'APERTURA DEL CINEMA

Suonate musici, fate un concerto,
cantate fanciulle, vestitevi a festa,
ragazzi e ragazze uscite a ballare.
Il cinema chiuso perché era crollato
il palco una sera dell'anno scorso,
le porte a tutti riapre dopodomani.

Forza, siatene certi,
fate salti di gioia e il cuore mettete in pace:
tutto è già pronto, si farà prestissimo!
E come una volta, la sera v'aspetta
una sedia sgangherata, un film Scalera
e forse ogni tanto un gran varietà.

E come una volta: pellicole consumate:
tagliate, incollate, i film più brutti,
anche se non si respira, correte a vedere;
pagate il posto, fate questa spesa!
Sedetevi a terra o state in piedi
accalcati e la loggia fate crollare.

Proprio come prima: chi entra, chi spinge
chi sputa da sopra, chi grida di sotto,
chi fuma, chi grida: Orario, Pompeo!
chi entra sobrio se ne esce imbevuto;
chi entra già alticcio se ne esce snebbiato,
perché, rimettendo, gli passa e torna in sé.

Chi entra facendo bordello,
chi avventa pugni.