Dipinto di F. P. Borazio del 1950
Dipinto di F. P. Borazio del 1950

LA MADONNA VE SCAMPA A 'SSU PAJESEI

La Madonna ve scampa a 'ssu pajese,
Da meze e quissi ciucce pruffediuse
Che vanne culli code cricche e tese
E culli recchie logne fore l'use.

Che Ddi' ve guarda a 'gni santemarchese
E quasamente dallu chiù 'mpecciuse,
Che se pure non vale nu turnese
Ce va pigghianne tante e tante abbuse.

Tante n'ha fatte quiddu scia 'mpise
Che l'hanne fatte mastre assettacase
E jè nu mastre che vo' esse accise.

Assa' fa' a Ddi' però, che se so' rose
Hanna sciurì... se... invece... putacase...
Hanna caccia marzòcchele spinose.

II

Allora avima vendicà l'offese
Senza meserecordia e senza scuse;
E, culli spine sope li varlese,
N 'avima puncecà ciucci 'mpecciuse!

No' l'avima fa' dice manche gese,
E l'ima dice: - Mo, pruffediuse,
C'ita pajà la mora culli spese
E c'ita mette pure lu refuse.

E doppe, pe' creparece de rise
L'ima crupì la ciocca cullu vase
Da notte (facce lore inte lu prise!)

No' l'ima da' nu poche de repose,
L'ima fa' asci lu sagne pe' lu nase,
L'ima tagghià la coda e l'ati cose.

III

E quanne venne po' li rignanise
Che portone li pera, a 'stu fiamuse
L'avima fa' na salma de bon pise.

LA MADONNA VI LIBERI IN CODESTO PAESEI

La Madonna vi liberi in codesto paese,
da questi somari perfidiosi
che se ne vanno con la coda tutta tesa
e le orecchie lunghe oltremisura.

Che Dio vi guardi, sammarchesi
e in specie dal più attaccabrighe,
che seppure non vale un tornese
commette tanti e tanti abusi.

Tante ne ha combinate quello sciagurato
che è stato fatto mastro aggiusta-case
ed è un mastro da non parlarne nemmeno.

Abbi fede, però, che se son rose
fioriranno... se... invece... puta caso...
spunteranno gemme spinose.

II

Allora vendicheremo le offese
senza misericordia e senza scuse;
e, con le spine sui guidaleschi,
ne pungeremo di somari piantagrane!

Non gli daremo neanche il tempo di dire Gesù,
e gli ripeteremo: - Mo, prepotenti,
pagherete la mora con le spese
e puranche il resto.

E dopo, per sbellicarci dalle risa
gli copriremo la testa con il vaso
da notte (vergogna! finiti nel pitale!)

Non gli daremo un attimo di tregua;
gli faremo uscire il sangue dal naso,
e gli taglieremo la coda e le altre cose.

III

E quando verranno i rignanesi
che portano le pere, a questo spaccone
gliele suoneremo di giusta misura.