Il convento di S. Matteo a San Marco in Lamis fotografato in una giornata nebbiosa.
Il convento di S. Matteo a San Marco in Lamis fotografato in una giornata nebbiosa.

Bella notte fatata. Sta la luna
inte lu ciele tutte stelle stelle...
Pense alli guai, pense alla fertuna
e pense a tanta cose brutte e belle.

Va la luna pe' 'nciele quita quita.
- Oi Luna, Luna bella, Luna santa,
che purte lu Rutilie della vita,
addevina 'sta vita tutta quanta. -

Passa lu vente e scotela li frusce
sope li cerre... Sente questa voce:
“Cara uagliò, 'ssa vita la canusce...
che si' stracquate de purtà la croce?”.

Oi Luna, basta! Chiude lu Rutilie!
Tu me fa' recurdà de neve e foche
tutte li feste, tutte li vigilie,
tutta quanta 'sta vita a poche a poche.

Jurnate de prejezze e vita calma
e mumente de lacreme e de pene.
'Ddi rise!... e mo lu chiante me dessalma!
Quant'è amare 'stu chiante...! Ah quiddu bene!

Pense allu bene de 'dda vita 'mpace...
Sente lu male de 'sta vita scura...
Dellu bene perdute me dispiace...
Lu male che me te' me fa paura.

Bella notte fatata. Sta la luna
nel cielo tutto stelle...
Penso ai guai, penso alla fortuna
e penso a tante cose brutte e belle.

Va la luna per il cielo silenziosa.
Oh Luna, Luna bella, Luna santa,
che porti il Rutilio della vita,
predicimi questa vita tutta quanta. -

Passa il vento e scuote le fronde
sopra gli alberi... Sento questa voce:
“Caro ragazzo, questa vita la conosci...
ti sei stancato di portare la croce?”

Oh Luna, basta! Chiudi il Rutilio!
Tu mi fai ricordare neve e fuoco
tutte le feste, tutte le vigilie,
tutta quanta questa vita poco a poco.

Giornate di gioia e vita calma
e momenti di lacrime e di pene.
Quelle risate!... e ora il pianto mi tormenta!
Quanto è amaro questo pianto...! Ah quel bene!

Penso al bene di quella vita in pace...
Sento il male di questa vita scura...
Del bene perduto mi dispiace...
Il male che mi tiene mi fa paura.