Lu cummente de Sante Mattè

Questa poesia del grande poeta di San Marco in Lamis, Francesco P. Borazio, è stata pubblicata nel Bollettino del Santuario di San Matteo a San Marco in Lamis - Anno II del 2 aprile 1960. Il Direttore responsabile e Guardiano del Convento era P. Vincenzo Gallo, grande frate francescano, che scriveva anche bene.

Il convento di san Matteo a S. Marco in Lamis.
Il convento di san Matteo a S. Marco in Lamis.

Dalli Coppe la luna d'argente
sponta e 'nchiana, acchiarenne
lu ciele penticchiate de stelle lucente
tale quale 'nu mante de Re.

Sta 'na nuvola come 'nu vele
trasparente che cala e abburrita
de 'na luce ‘gghiancastra pulita
lu cummente de Sante Mattè.

Com'è belle accusci situate:
'nu castelle me pare che guarda
la Difensa, li vigne, li prate
e 'gni cosa che 'nturne ce sta.

Ma sta notte a quest'ora già tarda,
cù sta luna che tutta l'ammanta
allu vente che mozzica e canta
ce riposa e 'nu sonno ci fa.

Dorme 'nzine allu Monte Celane
ma la vadda la lana lu nanna
e la ninna la sona luntane
lu talorne che dice cucù.

Pe' l'arietta che passa, li manna
a quest'ora 'nu belle salute
svegliarine: ha' sentute, ha sentute?
lu jadducce fa cuccu-racù.

E lu vente che scioscia li fronne
alli cerre, arracconta la storia
dell'antiche rumite e chemponne
'na canzona ch'è bella a sentì.

'Na canzona che canta la gloria
e li grazie de quistu cummente,
ma li note che vanne allu vente
li prufane non ponne capì.

Dalle Coppe la luna d'argento
spunta e sale, rischiarando il cielo
punteggiato di stelle lucenti
proprio come un manto di re.

Sta una nuvola come un velo
trasparente che scende e avvolge
di una luce biancastra e tersa
il convento di San Matteo.

Come è bello così situato:
un castello mi pare che guarda
la Difesa, i campi, i prati
ogni cosa che attorno c'è.

Ma stanotte a quest'ora già tarda,
con questa luna che tutto l'ammanta
al vento che culla e canta
si riposa e s'addormenta.

Dorme in grembo al Monte Celano
ma la Valle della Jana gli canta la nanna
e la ninna gliela suona lontano
il cuculo che dice cucù.

Per l'arietta che soffia, gli manda
a quest'ora un bel saluto
mattutino: hai sentito, hai sentito?
Il galletto fa chicchirichì.

E il vento che scuote le fronde
degli alberi, racconta la storia
dell'antico romito e compone
una canzone bella da sentire.

Una canzone che canta la gloria
e le grazie di questo convento,
ma le note portate dal vento
i profani non possono capire.