Una ragazza sammarchese ritratta nel 1910.
Una ragazza sammarchese ritratta nel 1910.

 

Fra tanta belle
paisanelle
santemarchese,
la cuzzaredda
è la chiù bedda
dellu paese.

Fra tanta stelle
che stanne 'nciele
sberneciente,
quidd'occhie nire,
se tu l'ammire,
so' chiù lucente.

E tra li rose
fresche e addurose
dellu ciardine,
‘ddi labbra rosce
che ‘gghi canosce
so’ assa’ chiù fine.

De tanta cose
li chiù graziose
e accrianzate,
quiddu è nasille
fra mille e mille
lu chiù garbate.

Pure li dente
gghianche e lucente
so' chiù gentile,
che no' na scicca
cullama ricca
de perle a file.

E d'ore a file
lu chiù suttile
lucente e rare,
'dda capellera,
bionda sincera,
all'occhie pare.

E queddi scacche
che uasce e acciacche
la notte 'nsonne
quanne me coche,
so' doi precoche
cenede e tonne.

Se vide a gghiessa
che va alla messa
quanne va a preja:
mena li scianche,
fa tinche e tanche:
passa e scudeja.

Come camina
la giacchettina
va tretelanne,
pe' doie preselle
sucose e fresche
che sotta stanne.

E cu' na mossa
che da la scossa
allu panare,
la vesta a gonna,
sci e no fa l'onna
come lu mare.

Passa, e pe' via
la gente spia
quanne l'affronta
e gghiessa intante
mentre va 'nnante
fa tacche e ponta.

FRA TANTE BELLE PAESANELLE

Fra tante belle
paesanelle
sammarchesi,
la contadinella
è la più bella
del paese.

Fra tante stelle
che sono in cielo
luccicanti,
quegli occhi neri,
se tu li guardi,
sono più lucenti.

E tra le rose
fresche e odorose
del giardino,
quelle labbra rosse
che io conosco
sono assai più delicate.

Di tante cose,
le più graziose
e garbate,
il suo nasino
fra mille e mille
è il più aggraziato.

Pure i denti
bianchi e lucenti
sono più delicati,
di una elegante
collana ricca
infilata di perle.

E di fili d'oro
il più sottile
lucente e pregiato,
i suoi capelli,
biondi e sinceri,
appaiono.

E quelle guancie
che bacio e premo
di notte in sogno
quando mi addormento,
sono due pesche
tenere e tonde.

Se la vedi
quando va a messa
per pregare:
dimena i fianchi,
di qua e di là:
passa e scodinzola.

Mentre cammina
la giacchettina
tremola tutta,
per due pesche
succulente e fresche
che sotto stanno.

E con un movimento
che fa scuotere
il deretano,
il vestito a gonna,
ondeggia
come il mare.

Passa, e per strada
la gente guarda
quando la incontra
e lei intanto
procede
battendo il tacco.