'Lu scardalane' a S. Marco in Lamis - Immagine del 1948
'Lu scardalane' a S. Marco in Lamis - Immagine del 1948

 

Tu lu demonie de Sante Mechele,
Nu bruttabestie sinne all'occhie mia.
Lu nome ti' de bone, che Maria!...
La coda dellu ciucce de Fajele

So' 'ssi capidde. Amar'è com'e fele
'Ssa vocca de pruvascia. Che paccia
Dice bene de te: tutt'è buscìa
Quidde ch'eje ditte prima. Nu camele

Me pare cu' 'ssu musse de cunigghia,
Cull'occhie pare nu purcedde sguizze.
Cecate quiddu merle che te pigghia,
Che quanne te vo' fa' cacche carizze

Come tè l'hadda fa', cu' brusca e strigghia?
Pe' cunte mia te mettesse a pizze.

Ma pensanne alla dodda e la famigghia
Me tocca a chiude l'occhie. 'Mbè! Vi', e pigghia!

...CON IL CUORE

Tu il demonio calpestato da San Michele,
un mostro sei per me.
Hai solo il nome di buono, Maria!...
La coda dell'asino di Raffaele

sono quei capelli. Amara come il fiele è
la tua bocca volgare. E' pazzia
dire bene di te: è tutta una bugia
quello che ho detto prima. Un cammello

mi sembri con questo muso da coniglia,
e l'occhio mi sembra quello di un porcellino.
Cieco è quel merlo che ti sposa,
ché quando ti vuole fare una carezza

come te la farà, con brusca e striglia?
Per conto mio ti lascerei in disparte.

Ma pensando alla dote e alla famiglia
devo chiudere gli occhi. Beh! Vieni e prendi!