Vecchia foto della Villa comunale di S. Marco in Lamis.
Vecchia foto della Villa comunale di S. Marco in Lamis.

 

Tu, n'angele calate dallu ciele,
N'angele belle sinn'all'occhie mia.
Lu nome la Madonna ti': Maria!
Li ricce d'ore de Sante Mechele.

La vocca ti' chiù docia dellu mele;
Chiù docia ancora della malvascìa!
Quanne te vede vaje alla paccia
Pe' quiss'occhi che so' doje cannele.

Dellu sole e la luna si' la figghia;
Vejata chi contempla 'ssi bellizze
Che dellu munne so' la maravigghia.

Chi t'hadda puté fa' tanta carizze?
Furtunat'è quidd'om'e che te pigghia
Che 'ssu trasore ce po' mette a pizze.

CON LA BOCCA E...

Tu, un angelo sceso dal cielo,
un angelo bello sei ai miei occhi.
Hai il nome della Madonna: Maria!
I riccioli d'oro di San Michele.

Hai la bocca più dolce del miele;
Più dolce ancora della malvasìa!
Quando ti vedo impazzisco
per questi occhi che sembrano due candele.

Del sole e della luna sei la figlia;
beato chi contempla queste tue bellezze
che sono la meraviglia del mondo.

Chi ti potrà fare tante carezze?
Fortunato l'uomo che ti avrà
che questo tesoro potrà conservare.