Donna sammarchese agli inizi del '900
Donna sammarchese agli inizi del '900

 

'St'amore mia non mette chiù calima
e va' a capisci 'ncorpe che arracama,
'st'amore mia ci secca alla curima
e no' risponne manche a chi lu chiama.

La nenna mia non è chiù com'e prima,
sta pensosa pensosa e chiù non m'ama:
quanne me vede, smesta e ci va a 'ncima
sope lu tavulate, quedda 'nfama.

Come pensasse: “Ne', che me ne fuma!”
Come dicesse: “A me che me ne prema!...”
Povere amore mia svanisce e sfuma.

Quistu core che tozzela e che trema,
mo preja alla Madonna che l'alluma,
se pe' disgrazia è diventata scema.

AMORE APPASSITO

Quest'amore mio non cresce più
e vai a capire dentro che rimugina,
quest'amore mio avvizzisce in cima
e nemmeno risponde a chi lo chiama.

La bella mia non è più come prima,
sta pensosa e più non mi ama:
quando mi vede, svicola e s'arrampica
sul soppalco, quella crudele.

Come se pensasse: “Oh, che me ne frega!”
Come se dicesse: “A me che me ne importa!...”
Povero amore mio svanisce e sfuma.

Questo cuore che batte e che trema
si mette a pregare la Madonna che l'illumini,
se per disgrazia si è ammattita.