San Marco in Lamis. Il Bosco Difesa S. Matteo.
San Marco in Lamis. Il Bosco Difesa S. Matteo.
Il Gargano è pieno di spettacoli macroscopici, di paesaggi come quello nel quale è inserito il convento di San Matteo, incastonato su una collina quasi a guardia della valle sulla quale si affaccia, la valle dove è edificata la città di San Marco in Lamis.
Ma è anche pieno di spettacoli piccoli, quelli offerti dalle piante e dai fiori che, in oltre 2.000 specie, 1/3 delle circa 6.000 presenti in tutta l’Italia, fanno da sfondo al convento di San Matteo.

Le balze brulle, siccitose e secche d’estate che si alternano ai boschi, sono in primavera il regno delle orchidee che, coi loro splendidi colori, allietano la vista del profano suscitandone la curiosità: 'Che fiore è quello?' e con il loro numero, sempre in aumento per le continue nuove scoperte, danno filo da tessere agli appassionati e agli studiosi che ne tengono il conto delle specie: 70, 80, 90.

A quando il numero tondo di 100?
Spettacoli grandi e piccoli sono quasi sempre fusi insieme, il paesaggio e le particolarità, e che trovano la loro espressione nei numerosi angoli e sentieri del bosco 'Difesa San Matteo'.
Ne sono esempi il bosco nel suo insieme, il Canale della Fajarama, uno dei tanti sentieri che dal convento prende il nome.
Il suo inizio è appena a 100 metri dal convento che, per i numerosi escursionisti, ragazzi delle diverse scuole in testa, è sempre il punto di partenza, il boschetto San Matteo.

Dr. Agr. Alessandro Augello