Stampa questa pagina

Crocus neapolitanus

Caratteristiche

  • Immagine: Immagine
  • Nomenclatura e sistematica:

    Crocus neapolitanus Nord. et Loisel. = Crocus vernus var. grandi florus Gay. Zafferano maggiore. Classe: monocotyledonae, Famiglia: iridaceae.

  • Origine del nome:

    Crocus: dal greco krokos, nome dello Zafferano; neapolitanus: dal latino che significa napoletano; vernus: dal latino ver = primavera per la fioritura primaverile;
    grandiflorus: dal latino per le dimensioni grandi dei fiori; zafferano: perché appartiene allo stesso genere dello Zafferano (Crocus sativus L., Zafferano vero, caratterizzato dagli stimmi rossi, molto lunghi, 2-3 cm, e che oltrepassano i tepali).

  • Comportamento ed habitat:

    Vegeta nei boschi, ma anche nei pascoli, dal mare fino ai 1.500 m.

  • Diffusione:

    In base a quanto riporta il Pignatti, in Italia si trova in tutta la penisola. Fanno eccezione le isole, la Lombardia, il Trentino e la Puglia. Nella Puglia, invece, è presente, almeno sul Gargano dove è pianta molto comune e diffusa. Le foto presentate sono state scattate nel bosco Difesa S. Matteo di S. Marco in Lamis.

  • Portamento e radici:

    Pianta perenne che sverna sotto forma di bulbo, alta 9-13 cm, con 1-2 fiori, talvolta anche 3. Le radici sono date da un bulbo che si trova a 3-5 cm di profondità; esso è schiacciato alla base e all'apice, ricoperto da filamenti sottili e paralleli, più o meno reticolati nella parte superiore, di colore nocciola; dalla parte inferiore del bulbo, lungo una linea circolare posta nelle vicinanze del bordo esterno, partono numerose radichette sottili e biancastre. Il bulbo è sormontato dallo scapo che, alla base, presenta un ingrossamento.

  • Foglie:

    Foglie lineari e glabre, in numero di 3-5, più o meno lunghe quanto il fiore, larghe 3-6 mm, verde lucenti con una linea bianca al centro alla quale, nella pagina inferiore, corrisponde una costolatura rilevata, presenti assieme al fiore, ma raggiungenti la massima dimensione successivamente. L'insieme di foglie e fiori è ricoperto da 1 spata biancastra.

  • Fiori:

    Per lo più fiore unico, ma anche due, inodori. Tepali 6, lunghi 3,5-5 cm a partire dalla fauce, cioè dal punto in cui non sono saldati insieme ma sono liberi, e larghi 1,2-1,8 cm, ad apice arrotondato, di colore violetto, bianco-violaceo con base e talora apice a colorazione più intensa, di rado completamente bianco. La fauce è violaceo-biancastra, cigliata (il particolare si vede bene con una lente di ingrandimento), ha diametro di 5-6 mm, si restringe gradatamente nel tubo, biancastro, che arriva sino all'ovario, posto a 3-4 cm dal bulbo, a livello della superficie del terreno.
    Stami 3, lunghi circa 2,53-3 cm, liberi a partire dalla fauce; per metà sono costituiti dall'antera gialla e per l'altra metà dal filamento biancastro. Stilo unico, bianco, terminante con 3 stigmi a ventaglio (flabellati e smarginati oppure no), di colore arancione non troppo lunghi e non troppo divergenti tra di loro; gli stigmi di solito sovrastano le antere che sono più o meno appressate allo stilo. Ovario infero, triloculare.

  • Epoca di fioritura: Sul Gargano febbraio-aprile. E' tra i primi fiori del bosco a spuntare.
  • Impollinazione: Entomofila
  • Frutti: Capsula triloculare con numerosi semi.
  • Confusione e riconoscimento:

    Secondo lo schema di Fiori, Crocus vernus Hill (= Crocus albiflorus Kit.) ha le seguenti subspecie: C. communis Ker-Gawl, C. neapolitanus Ker-Gawl (= C. vernus var grandiflorus Gay), C. etruscus (Pari.), C. corsicus (Vanucci). Secondo Pignatti Crocus neapolitanus Mord. et Loisel. e Crocus albiflorus Kit. sono due specie diverse. Pignatti non riporta per la Puglia né Crocus albiflorus Kit. né Crocus neapolitanus Mord. et Loisel.

    Il Fenaroli riporta la presenza sul Gargano di Crocus vernus Mili senza indicarne la subspecie. Per lo scrivente le foto presentate si riferiscono a Crocus vernus var. grandiflorus Gay = Crocus neapolitanus Mord. et Loisel. che, per il Pignatti, si ripete, è specie e non subspecie.

    Si riporta una chiave per il riconoscimento delle specie del genere Crocus presenti sul Gargano:

    1. Piante a fioritura autunnale a fauce gialla, stigmi alti quanto le antere, rossi e divergenti tra di loro Crocus longiflorus Rafin = Crocus odorus Biv. Zafferano autunnale.

    1. Piante a fioritura primaverile

    2. Fauce bianco-violacea; fauce pelosa. Crocus vernus Mili. = Crocus albiflorus Kit. Questa specie, secondo lo schema del Fiori, presenta più subspecie tra le quali Crocus vernus var. grandiflorus Gay = Crocus neapolitanus Mord. et Loisel. Crocus vernus var. grandiflorus Gay è specie a se stante secondo lo schema di Pignatti e subspecie del Crocus vernus Mili secondo Fiori. Zafferano maggiore (Non segnalato da Pignatti per la Puglia).

    2. Fauce gialla

    3. Bulbo avvolto da tuniche a fibre sottili, spata a 1 pezzo, fiori 1-2 (rr 3), profumati; lacinie violacee. Crocus suaveolens Bertol. Questa è specie a se stante secondo lo schema di Pignatti e subspecie del Crocus imperati Ten. secondo Fiori. Zafferano profumato (Non segnalato da Pignatti per la Puglia).

    3. Bulbo avvolto da tuniche cartacee che si staccano alla base lungo una linea circolare, spata a 2 pezzi, fiori 2 (1-5), profumati;
    lacinie bianche o giallognole all'esterno con 3-5 grosse venature viola. Crocus biflorus Miller. Zafferano selvatico.

  • Utilizzo:

    L'utilizzo in floricoltura, probabilmente a causa della taglia non troppo alta, non sembra molto accentuato. Andrebbe utilizzato per il fatto che fiorisce molto presto quando nei giardini scarseggiano i fiori.

  • Curiosità:

    Origine dei crochi coltivati primaverili
    I Crocus primaverili dai grandi fiori e dai colori che vanno dal bianco, al blu, al lillà, al giallo e al porpora sono tutti delle varietà di Crocus neapolitanus Mord. et Loisel. = Crocus vernus var. grandiflorus Gay selezionate in Olanda.

    Crocus_neapolitanus_01.jpg Crocus_neapolitanus_02.jpg Crocus_neapolitanus_03.jpg

    Crocus_neapolitanus_04.jpg Crocus_neapolitanus_05.jpg Crocus_neapolitanus_06.jpg

    Crocus_neapolitanus_07.jpg Crocus_neapolitanus_08.jpg Crocus_neapolitanus_09.jpg

    Crocus_neapolitanus_10.jpg Crocus_neapolitanus_11.jpg Crocus_neapolitanus_12.jpg