Come eravamo. Vecchia foto di braccianti agricoli.
Come eravamo. Vecchia foto di braccianti agricoli.
Parlare della vita e del lavoro dei nostri braccianti agricoli non è semplice come potrebbe sembrare e, inoltre, bisogna stare attenti a non cadere nella confusione tra il vecchio e il nuovo.
Il bracciante di oggi non ha nulla a che vedere con quello del passato per molti aspetti, primo tra tutti, il più importante e significativo, quello di tornare a casa ogni sera e dormire nel proprio letto dopo una giornata di lavoro.
Gli attuali lavoratori agricoli sono sicuramente molto di meno di quelli di ieri, sono uniti e meglio organizzati nel loro sindacato e, pertanto, le loro rivendicazioni nei confronti dei datori di lavoro risultano più concrete, meno dispersive e quindi più efficaci.
Il bracciante agricolo odierno è innanzitutto a contatto diretto e continuo con l'Ufficio di Collocamento e, così facendo, gli è più facile venire a conoscenza di nuove leggi riguardanti la categoria e, con l'aiuto del sindacato, può meglio sviluppare la sua azione di lotta in difesa dei propri diritti.
Come eravamo. Pranzo durante la raccolta delle olive.
Come eravamo. Pranzo durante la raccolta delle olive.
Nella categoria ci sono diversi gruppi, ognuno dei quali si difende come può. Dai salariati fissi, che vivono da un anno all'altro nelle masserie dei datori di lavoro, agli abituali con oltre centocinquantuno giornate, agli occasionali con centocinque e, infine, agli eccezionali con solo cinquantuno giornate di lavoro. I lavoratori che fanno parte di queste categorie hanno interessi diversi gli uni dagli altri, soprattutto per ciò che concerne il sussidio di disoccupazione loro spettante.
I braccianti del passato, a differenza di quelli odierni, erano dei lavoratori che non avevano nessuna specializzazione nel campo della loro attività lavorativa. Ora ci sono le diverse qualifiche: il camparo e sottocamparo, il trattorista, il raccoglitore di olive, ecc. Tutti con una paga adeguata alla specializzazione.
E quelli di prima?
Anzitutto avevano un'occupazione discontinua e senza contratto di lavoro, per cui lo scambio con il padrone avveniva nel modo più semplice possibile: venivano retribuiti a giornata senza ulteriori oneri, come si direbbe oggi.
Come eravamo. Famiglia di braccianti.
Come eravamo. Famiglia di braccianti.
L'assistenza sanitaria era di là da venire con tutto ciò che comportava. La mortalità infantile era elevata, la durata media della vita si attestava intorno a cinquant'anni, le condizioni economiche delle famiglie erano disagiate, l'istruzione era quasi sconosciuta, soprattutto nel nostro Mezzogiorno.
I governanti, dall'Unità d'Italia in poi, del Sud se ne infischiarono. Si ricordavano soltanto per la raccolta del grano, dell'uva, delle olive e dei giovani di vent'anni per le loro sporche guerre. Poi venne il fascismo e la situazione si aggravò in tutti i sensi per i poveri.
Quei lavoratori non si improvvisavano, era come un destino maledetto, una malasorte che accompagnava il loro cammino della vita fin dalla più tenera età. Il figlio del bracciante seguiva le orme del padre e, così, di generazione in generazione. Nella categoria non c'era alcuna distinzione d'età e di sesso. Tutti imparavano in fretta quelle attività semplici che venivano eseguite durante le diverse stagioni dell'anno. L'unica distinzione la facevano i padroni i quali, a fine lavoro, variavano la paga a seconda dell'età e del sesso, a prescindere dall'uguale prestazione e rendimento.
S. Marco in Lamis. Anni Sessanta. Foto di famiglia. A destra Giuseppe Villani con il tipico berretto da guardiano. Il guardiano vigilava sulle proprietà terriere dei padroni, si spostava da un fondo all'altro con la cavalla o in calesse, controllava che non ci fossero abusi sulle parti seminative e a pascolo; assieme alla sua famiglia viveva nella masseria più grande, dove, di solito, i padroni trascorrevano i mesi estivi. Il compito più delicato e importante era la riscossione dei fitti che si effettuava in tomoli (Kg. 44-45) di grano, pattuiti in base alle versure di terreno affittate. Questo mestiere generava il soprannome con il quale la persona che lo esercitava era più facilmente individuato. Per questo Villani Giuseppe dalle persone veniva comunemente chiamato 'Seppucce lu uardiane'
S. Marco in Lamis. Anni Sessanta. Foto di famiglia. A destra Giuseppe Villani con il tipico berretto da guardiano. Il guardiano vigilava sulle proprietà terriere dei padroni, si spostava da un fondo all'altro con la cavalla o in calesse, controllava che non ci fossero abusi sulle parti seminative e a pascolo; assieme alla sua famiglia viveva nella masseria più grande, dove, di solito, i padroni trascorrevano i mesi estivi. Il compito più delicato e importante era la riscossione dei fitti che si effettuava in tomoli (Kg. 44-45) di grano, pattuiti in base alle versure di terreno affittate. Questo mestiere generava il soprannome con il quale la persona che lo esercitava era più facilmente individuato. Per questo Villani Giuseppe dalle persone veniva comunemente chiamato 'Seppucce lu uardiane'
Come abbiamo ricordato, non avevano un'occupazione fissa e permanente in un'azienda agricola. Erano sempre in attesa che qualche agricoltore si ricordasse di averli avuti alle proprie dipendenze e di aver avuto una buona impressione. Intanto continuavano a rimanere disoccupati.
I lavori, diciamo così, di massa avvenivano in certi periodi dell'anno. Nell'inverno, ad esempio, tra febbraio e marzo, si andava nei campi per zappulià, in occasione della scerbatura del grano. In quel periodo si formavano delle grosse compagnie di trenta, quaranta giovani, ragazzi e donne per lavorare in una grande masseria. Restavano in campagna per quaranta, cinquanta giorni continuativi, senza mai un giorno di festa e di riposo. Tornavano al paese, grosso modo, sotto le feste pasquali.
Come eravamo. Braccianti durante la mietitura del grano.
Come eravamo. Braccianti durante la mietitura del grano.
Anche durante la mietitura si formavano compagnie di braccianti per raccogliere manocchie (covoni) in biche e trasportarli poi, con grossi carri (carrettune), presso la trebbiatrice.
Come eravamo. Vendemmiatrici che raccolgono uva.
Come eravamo. Vendemmiatrici che raccolgono uva.
Altre compagnie si formavano per la raccolta dell'uva nelle vigne di S.Severo: i lavoratori più pratici venivano occupati per il pestaggio, a piedi nudi, delle uve in grossi recipienti da dove sgorgava il mosto, futuro vino.
Lo stesso avveniva in occasione della raccolta delle oliveRaccolta-olive-con-i-sacchi.jpg. Su lunghe scale si saliva sugli alberi per sfilare le olive che andavano su larghi teloni sparsi per terra (racanedde). Quelle che saltavano via, lontano, venivano raccolte da ragazzi e donne che le mettevano nei canestri.
Come eravamo. Masseria fortificata.
Come eravamo. Masseria fortificata.
Poi, nei caseggiati dove stavano i frantoi Frangitura-olive.jpg, erano impegnati uomini con una certa esperienza che facevano persino i turni, anche di notte, in modo da non interrompere mai il lavoro.
Quei braccianti senza alcuna specializzazione erano in grado di eseguire tutti i lavori necessari nelle aziende piccole, e loro erano sempre disponibili in qualsiasi momento. Bastava che un agricoltore facesse sapere di quanti elementi aveva bisogno e subito, la mattina dopo, prima dell'alba, si presentavano nella masseria con la bisaccia sulle spalle e, senza tanti preamboli, iniziavano a lavorare dopo aver percorso a piedi dieci, quindici chilometri e, a volte, anche di più. Si mettevano in cammino di notte per non perdere un quarto della giornata.
Come eravamo. Braccianti agricoli su di un carretto.
Come eravamo. Braccianti agricoli su di un carretto.
Non si lavorava a ore, ma a giornata (a iurnata) che, per comodità, veniva divisa in nu quarte, meza iurnata, tre quarte e la iurnata sana.
In primavera inoltrata si svolgeva il lavoro più pesante di tutto l'anno. Nel mese di maggio si andava 'mpugghia a sciuppà li fave' (nelle masserie del Tavoliere di Pugliia a estirpare le fave). Era un lavoro massacrante: soltanto chi era avvezzo ci riusciva, chi no doveva fare sforzi sovrumani per resistere e non perdere la faccia di fronte al padrone e, soprattutto, ai compagni di lavoro. Lasciare avrebbe significato la perdita di credibilità nella categoria.
Si iniziava a lavorare la mattina molto presto e ognuno aveva due solchi da estirpare. I lavoratori si disponevano a scala, cioè uno un paio di metri dietro l'altro perché potessero essere liberi nei movimenti. Era usanza che il padrone si scegliesse, quale uomo di fiducia, il più forte e valido, magari gratificandolo con qualche bicchiere di vino di nascosto dagli altri. Questi si prestava e, mettendosi alla testa della compagnia, con tutte le sue forze, lavorava come un dissennato: tutti gli altri, per non rimanere indietro, dovevano, di conseguenza, buttarsi a capofitto nel lavoro tra polvere, sudore, bestemmie e maledizioni per quella vita bestiale. Alla sera, sfiniti, consumavano lu panecotte.
Il disgraziato, dopo dodici, tredici ore di duro lavoro, a fine pasto, si buttava sul sacco di paglia riempito la mattina, perché sapeva che la sera non avrebbe avuto la forza di farlo, e via a dormire sino alle cinque del mattino seguente.
Terminato il lavoro in un'azienda, si andava ad attaccare in un'altra sino a fine della campagna che durava, a seconda dell'anno dai dieci ai quindici, venti giorni. Comunque i braccianti, come abbiamo visto, eccezionalmente facevano un periodo di lavoro continuativo da uno stesso agricoltore. Infatti questi, come abbiamo visto, per avere sempre uomini a disposizione, aveva li iarzune, cioè salariati fissi che aravano, mietevano, trebbiavano, eseguivano in pratica tutti i lavori per portare avanti un'azienda. Quei braccianti non avevano una qualifica e, pur conoscendo tutte le regole e le attività da svolgere per tenere in piedi una masseria, difficilmente si trasformavano da braccianti in salariati. Se ciò avveniva, si verificava in gioventù, altrimenti dopo era difficilissimo.
Tavoletta votiva presente nel Santuario di S. Matteo a S. Marco in Lamis.
Tavoletta votiva presente nel Santuario di S. Matteo a S. Marco in Lamis.
Quando i braccianti andavano a lavorare in una masseria, non dormivano mai su un tavolaccio come i salariati, ma per terra, inte lu staddone (nella stalla). Lì poggiavano il sacco pieno di paglia e lì sopra si stendevano per dormire. Certamente i primi ad essere assaliti e succhiati ben bene dalle pulci (allora ce n'erano tante, in quantità iperboliche) erano loro. La pelle si riempiva di punture rossastre, segno evidente di essere stata alla mercè di quei parassiti.
Chi faceva quel mestiere, per trovare lavoro, la mattina molto presto si doveva alzare e ascì alla chiazza, vale a dire andare in piazza ed esporsi come una merce qualsiasi sul mercato.
S. Marco in Lamis. Il punto (a sinistra) dove si mettevano i braccianti in attesa di essere chiamati a lavorare.
S. Marco in Lamis. Il punto (a sinistra) dove si mettevano i braccianti in attesa di essere chiamati a lavorare.
Quel mercato si svolgeva tutte le mattine di buon'ora all'incrocio tuttora esistente tra Corso Matteotti e le vie Roma e Carducci, cioè 'ncima alla strata lu ponte. Lì si raccoglievano i disoccupati e a crocchi discutevano tra di loro, ma, se arrivava un datore di lavoro o un suo uomo di fiducia ben conosciuto, tutti zittivano e i loro occhi si appuntavano sul nuovo venuto, attenti ad osservare le sue mosse, le sue intenzioni. Piano piano, lentamente, gli si avvicinavano salutandolo col cappello o la coppola in mano, in segno di rispetto, e tutti speravano di essere scelti.
Come eravamo. Museo della civilta contadina.
Come eravamo. Museo della civilta contadina.
A coloro che rimanevano sulla piazza, ed erano in molti, non restava che imprecare e mandare a quel paese tutti e tutte le autorità dello stato: non si salvava nessuno, compreso "l'amato re e la regina" e tutti i governanti, religiosi e militari. Da quelle maledizioni non si salvava nessuno e insieme venivano affastellati e condannati alle pene più atroci. Erano, in quelle occasioni, degli inconsapevoli anarchici abbrutiti dalla miseria e dalle insopportabili condizioni di vita. Tutti gli adulti erano sposati con prole abbondante: cinque, sei, otto figli e per sfamarli ce ne voleva! Questa era una delle ragioni per cui i bambini non frequentavano neppure la prima elementare: dovevano andare a guadagnarsi "la spesa". Così la categoria dei braccianti non finiva mai: veniva continuamente alimentata da essa stessa.
I padroni ne erano consapevoli e ne approfittavano: più bisogno avevano e più li sfruttavano, meno li pagavano. Era quella la legge del mercato: quanto più alta era la disoccupazione, quante più braccia per lavorare erano disponibili, tanto più il salario era basso.
Quei braccianti non esistono più. Ora i braccianti moderni, quelli che ci sono ancora, vanno a lavorare in macchina, fanno le ore prestabilite dal contratto di lavoro e tornano a casa per mangiare e dormire con i propri familiari. Le lotte dei lavoratori della terra hanno cambiato il volto delle nostre campagne e quelli che furono i protagonisti del cambiamento ora, giustamente, ne godono i frutti.