5 Agosto 2003

Delibera del Consiglio comunale all'aperto del5 agosto 2002
Delibera del Consiglio comunale all'aperto del5 agosto 2002
in via straordinaria e urgente, in data 5.8.2002 in Piazza Madonna delle Grazie, per trattare le problematiche riguardanti il Piano di riordino sanitario ospedaliere regionale, varato dalla Giunta Regionale in data 26.7.2002,
CONSIDERATO
che questo Consiglio comunale, in data 27.7.2002, ha deliberato un ordine del giorno nel quale si affermava che il Piano, così come formulato, penalizza gravemente la Città di San Marco in Lamis e l'Ospedale "Umberto I" poiché prevede la soppressione dei reparti di CHIRURGIA, OSTETRICIA E PEDIATRIA;
EVIDENZIATO
che la Giunta Regionale non ha tenuto in nessun conto le proposte emerse dal dibattito e formulate da questo Conisigio comunale;
RITENUTO
che il Piano non soddisfa minimamente le aspettative della popolazione sammarchese e delle genti garganiche, poiché riduce i servizi sanitari essenziali;
dopo ampia e articolata discussione, con voto unanime:
ESPRIME
una forte protesta per le determinazioni assunte dalla Giunta Regionale in merito all'Ospedale "Umberto I" di San Marco in Lamis circa la soppressione di posti letto per i reparti di CHIRURGIA, OSTETRICIA E PEDIATRIA
Il volantino del Consiglio comunale del 5 agosto, contenete lìinvito a partecipare alla giornata di lotta del 5 agosto 2002
Il volantino del Consiglio comunale del 5 agosto, contenete lìinvito a partecipare alla giornata di lotta del 5 agosto 2002
SOTTOLINEA

il ruolo e la funzione che l'Ospedale ha sempre avuto per il territorio garganico in oltre cento anni di attività;
RIGETTA
il deliberato che ridimensiona il nostro Ospedale poiché non tiene conto delle peculiarità del territorio collocato in zona montana e periferica, nonché all'interno del Parco Nazionale del Gargano;
SOSTIENE
l'azione di lotta intrapresa dai cittadini di San Marco in Lamis mediante l'indizione dello sciopero generale con il blocco totale di tutte le attività;
RILEVA
che si debbano salvaguardare i reparti esistenti pur rideterminando il numero dei posti letto, ma aggiungendo ulteriori reparti specialistici (es.: moduli di neurologia, nonché di gastroenterologia e di pneumatologia, ecc.) che riqualificherebbero l'Ospedale "Umberto I" in modo che possa continuare il suo ruolo di presidio pubblico insostituibile all'interno della comunità garganica;
STIGMATIZZA
il comportamento della Giunta Regionale che non ha coinvolto nel dibattito sul Piano il Consiglio Regionale stesso perché prendesse in considerazione le proposte giunte dai vari consigli comunali e la negazione di un incontro con il Presidente On. Fitto e i responsabili dell'ARES;
CHIEDE
che siano attentamente valutate le questioni già poste da questo Consiglio Comunale in data 11.12.2001, 27.7.2002 e 3.8.2002;
CONDANNA
l'atteggiamento del Presidente della Giunta Regionale On. Fitto che ha impedito qualsiasi discussione democratica senza coinvolgere i soggetti interessati, paventando la convocazione del Consiglio Regionale alla vigilia di Ferragosto;
PROPONE
di rivedere il Piano in ordine alle questioni e alla situazione dell'Ospedale di San Marco in Lamis e di sospenderne l'esecutività e, qualora non si provvedera', il comune potrebbe adire le vie legali;
DOMANDA
alla Giunta Regionale di essere ricevuto e ascoltato al fine di esporre le ragioni della salvaguardia dei reparti esistenti e, qualora questo non avvenisse, ci potrebbero essere le dimissioni dell'intero consiglio comunale;
IMPEGNA
il Sindaco a trasmettere la presente deliberazione agli organi regionali, ai Sindaci del Gargano, alle Autorità competenti e agli organi di stampa.
- di rendere il presente provvedimento immediatamente eseguibile, come da separata votazione unanime effettuata, ai sensi del 4° comma dell'art. 134 del D.Lgs. n. 267/2000.