Nella sezione dedicata ad Ernesto Rossi (co-autore con Altiero Spinelli del Manifesto di Ventotene del 1941 ed esecutore testamentario di Gaetano Salvemini, puoi scaricare (e leggere) 2 interventi del Nostro usciti su L'Astrolabio del 25 ottobre 1963.
Nella sezione Storia>>Panfilo Gentile è da scaricare il libro completo, diviso in 9 capitoli, Polemica contro il mio tempo
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!! Download
Toggle Bar

Gargano

 
  • Lu Trajone

    Lu Trajone

    Giovedì, 16 Novembre 2017 - 9.42 Mb - pdf - 508f43753744ce5483377f2d2b8ebec1 - Francesco Paolo Borazio, Lu Trajone....,  Quaderni del Sud, San Marco in Lamis, 1977 Versione del 1977 curata da Michele Coco, Antonio Motta e Cosma Siani con la introduzione di Francesco Sabatini e le illustrazioni di Filippo Pirro.Un gruppo di giovani studiosi, maturati da serie esperienze culturali a contatto con la realtà della scuola nelle cittadine d'origine e nei grandi centri urbani, ha voluto procurare un'edizione completa del poemetto che costituì la fatica maggiore di Francesco Borazio, il poeta popolano della loro terra.San Marco in Lamis, grosso paese chiuso tra i monti del Gargano. L'operazione è stata condotta con spirito critico, con precisione filologica, con gusto. Miglior sorte non poteva incontrare l'opera che lo sfortunato cavapietre autodidatta - morto a 35 anni nel 1953, figura pressocché ignota nel panorama della letteratura pugliese contemporanea - lasciò manoscritta in un quadernetto di scuola.A vari lettori, quelli esclusi dal particolare divertimento riservato al pubblico strettamente locale, potrà sembrare che i pregi intrinseci del poemetto non siano tali da giustificare l'onore della stampa e della diffusione. [...]

  • La preta favedda

    La preta favedda

    Giovedì, 16 Novembre 2017 - 1.26 Mb - pdf - 97316b3410c5d672bf1d686ea6389635 - Francesco Paolo Borazio, La preta favedda, San Marco in Lamis, 1982 Opera completa del poeta sammarchese Francesco Paolo Borazio. Edizione del 1982 a cura di Sergio D'Amaro, Antonio Motta e Cosma Siani. Traduzioni 'a fronte' di Tommaso Nardella.Dopo Lu Trajone, è sembrato opportuno pubblicare la raccolta delle poesie in vernacolo di Francesco Borazio per due ragioni: riservata al primo lavoro boraziano da parte dei lettori di professione (pochi, ma degni di fiducia) che hanno voluto dedicare la loro attenzione a questo Autore; dall’altro, la vitalità intrinseca dei componimenti qui raccolti, che si comunica e impone prima ancora di ogni reazione critica e riflessa.Con questo volume, la figura di Borazio poeta dialettale si può dire compiuta. I manoscritti esaminati dai curatori contengono altri frammenti, abbozzi, varianti dialettali; contengono molte composizioni in italiano; e ancora quaderni di appunti e di lavoro: tutti materiali utili (soprattutto le poesie in italiano) alla ricostruzione filologica e alla individuazione dell’itinerario culturale di Borazio; ma il cui esame, e la cui eventuale pubblicazione, saranno giustificati allorquando si stabilisca una tradizione di studi boraziani. [...]

  • Atti del convegno a S. Matteo del 1978

    Atti del convegno a S. Matteo del 1978

    Venerdì, 08 Dicembre 2017 - 7.93 Mb - pdf - 9ebe3c2b941efed2ef57ed2b86f00da5 - 'san Matteo' Storia, società e tradizioni sul Gargano..., 1978 Gli atti completi del convegno tenuto a San Matteo nel 1978. Il convegno fu organizzato da Pasquale Soccio e Tommaso Nardella. Il Guardiano del convento era p. Nicola De Michele ed il Ministro Provinciale dei Francescani era p. Angelo Marracino.[...] Si compiono, in quest'anno 1978, quattro secoli da quando il Papa Gregario XIII con il breve ‘exigit iniunctum’ del 14 febbraio del 1578 affidava ai Figli di S. Francesco d'Assisi della Minoritica Provincia Osservante di S. Angelo in Puglia il vetusto e ormai decadente Monastero benedettino di S. Giovanni in Lamis, detto poi Convento di S. Matteo.Una tale ricorrenza non poteva lasciare indifferente la locale Comunità religiosa. Difatti, con la collaborazione di altre persone esterne, volenterose e competenti, ha studiato e programmato una vasta e multiforme serie di manifestazioni che desse all'avvenimento un risalto conveniente efficace e duraturo.L'apertura dell'anno centenario è avvenuta, con motivato ritardo, il 13 aprile c.a. con discorso ufficiale tenuto dal nostro M.R. P. Provinciale, P. Angelo Marracino durante una solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Mons. Giuseppe Lenotti Vescovo di Foggia, Troia e Bovino.In questi sei mesi trascorsi, già sono state realizzate parecchie iniziative a carattere religioso, artistico e culturale; altre avranno la loro realizzazione nel corso del rimanente anno. [...]Dal Saluto di padre Nicola De Michele, guardiano del convento di San Matteo

  • Fra orti e mugnali

    Fra orti e mugnali

    Domenica, 10 Dicembre 2017 - 3.38 Mb - pdf - fc9f24321319f26d3893939cb8347438 - Matteo Ciavarella, Fra orti e mugnali, Lacaita, 1982Il libro completo di Matteo Ciavarella, con un presentazione di Joseph Tusiani. Il file consente la ricerca. [...] Per qual ragione l'autore di questo libro si sia voluto rivolgere a me, invece che a un Pasquale Soccio o a un Tommaso Nardella, storici insigni delle nostre res patriae, ancor non riesco a capire del tutto. Una mia presentazione può soltanto equivalere a un simbolo o, meglio, a una sintesi di impressioni più poetiche che storiche dinanzi a un quadro di nota toponomastica che mi par di scoprire per la prima volta. Che non abbia voluto, il valente amico bibliotecario, affidare a un sammarchese lontano, qual io sono, l'incarico, improbo e gioioso, di dirgli con quali sensazioni di sorpresa o nostalgia potrà essere accolta questa sua meticolosa ricerca fra gli emigrati d'America o d'Australia? In tal caso, semplice è la mia risposta: il suo libro vale più per noi espatriati che per gli amici ‘ch'un muro ed una fossa serra’. [...]Joseph Tusiani

  • L'onciario del 1753

    L'onciario del 1753

    Giovedì, 25 Gennaio 2018 - 6.59 Mb - pdf - 9ae26efe601f707b54f52b19840c2a9d - Lorenzo Palumbo, Alle origini del bracciantato agricolo: Cerignola e San Marco in Lamis a metà Settecento in 'Archeologia digitale', 1986 Raffronto tra il catasto onciario di Cerignola del 1743  e quello di San Marco in Lamis del 1753.[...] Annotava il Galanti a conclusione della sua relazione intorno allo stato della Capitanata, che l’onciario ‘per lo più è fatto a capriccio e non a norma delle leggi’ ed in effetti il confronto fra i catasti di Cerignola (1743) e di San Marco in Lamis (1753) mette in risalto una notevole difformità di criteri fiscali: a San Marco in Lamis fu indiscriminatamente applicata la tassa sull’industria e vi furono assoggettati scolari e professionisti, coloro che vivevano 'civilmente' del proprio, chierici, vecchi in età avanzata: ne furono esclusi i soli sacerdoti e solo eccezionalmente si tenne conto dei ‘pesi’ (debiti) ai fini dell’imponibile in once: a Cerignola, invece, a parte l’esenzione delle once applicata a numerosissimi contribuenti, si tenne scrupolosamente conto dei ‘pesi’, talché non pochi proprietari di case, orti, vigneti e animali o non risultano tassati affatto oppure vengono censiti sulla base di un imponibile irrisorio. [...]

  • Il Gargano di De Leonardis

    Il Gargano di De Leonardis

    Sabato, 17 Febbraio 2018 - 74.30 Kb - pdf - f5b26479c4700c72852a9a0aa9e66883 - Giuseppe De Leonardis, Monografia Generale del Promontorio Gargano, Napoli, 1858 [...] Abbiamo già stabilito, che la pietra fondamentale della pubblica prosperità è l'Agricoltura; ma come voler che questa fiorisca, senza buoni lavorecci ed opportune concimazioni? E come lavorar bene e concimar meglio i terreni , senza un numero corrispondente di animali? È chiaro quindi esser, la Pastorizia gemella dell'agricoltura; e però chi vuole, che questa s'immegli e progredisca, deve conseguentemente voler che quella si diffonda e cresca; altrimenti sarebbe lo stesso, che agognar lo scopo, senza i mezzi proporzionati al conseguimento di esso. [...]

  • Il Gargano nel 1807

    Il Gargano nel 1807

    Sabato, 17 Febbraio 2018 - 83.77 Kb - pdf - d6bcd7250a151389e3a8532453a4a9f1 - Da Giornale Enciclopedico di Napoli, Tom. II, Num IV, Aprile 1807. Lettera del Sig. Dottor Nobile ai compilatori del Giornale Enciclopedico di Napoli.[...] Il Gargano è stato sempre un'oggetto interessante per i viaggiatori ed il vostro Giornale se ne occupa con aver inserito nel volume di Febbraro la defenizione fatta dal Sig. de Lucretiis della Grotta di Montenero del Gargano. Per commissione del Sig. Intendente della Provincia ne ò scritto un prospetto geografico, e naturale, che si è compiaciuto lodare, ed approvare: ed io mi do l'onore, o Signori, di dirizzarvelo per inserirlo nel Giornale, se ne lo stimate degno.Se questo mio lavoro meriterà la vostra approvazione, avrò motivo di dirizzarvi in seguito il prospetto economico, e quindi l'antiquario; per preludio della mia definizione completa del Gargano, e degli Annali Appuli Garganici. [...]

  • Demografia del Gargano

    Demografia del Gargano

    Sabato, 17 Febbraio 2018 - 65.04 Kb - pdf - d2651d80ffa5ba4a80a66b4eca556ac8 - Estratto da Alfonso La Cava, Appunti di demografia garganica, Lucera, 1926, pagg. 12-14[...] In stretta relazione coll'aumento della popolazione è il fenomeno migratorio. Questo, sino al 1900, era quasi sconosciuto nel Gargano, poiché nel biennio 1998-99 i tredici comuni garganici del circondario di S. Severo dettero solo 38 emigranti, di cui 14 S. Marco, e gli altri comuni appartenenti al circondario di Foggia, secondo calcoli approssimativi, 50, di cui 30 la sola Viesti. Le cifre addirittura irrisorie costituiscono una percentuale del tutto insignificante. [...]

  • Immagine del Gargano

    Immagine del Gargano

    Sabato, 17 Febbraio 2018 - 156.79 Kb - pdf - 371dc525eca129e6f7f454167c7a4912 - Brano tratto da Pasquale Corsi (a cura di), Uomini, storia e civiltà nel Gargano tra medioevo ed età moderna, Quaderni del Sud, San Marco in Lamis, 1997 di Guido Luisi: Il Gargano nelle carte geografiche del Cinquecento e del Seicento. [...] Una prima rappresentazione del Gargano nel Medioevo è data dalle carte nautiche, ad uso dei naviganti.Questi documenti, che sono nati dalla esperienza della navigazione, segnano il contorno costiero, gli approdi, gli scogli e le distanze da porto a porto, con una serie di linee riferite alla rosa dei venti. Da queste carte si rileva il collegamento con i porti della sponda opposta e del Vicino Oriente, come si nota nella carta nautica di Pietro Vesconte del 1311, inclusa nell'Atlante Tammar-Luxoro. [...]

  • Richiesta del sindaco L. Giuliani

    Richiesta del sindaco L. Giuliani

    Sabato, 17 Febbraio 2018 - 63.95 Kb - pdf - 00e2e008e2c5454cd39528f73c14a9de - Brano tratto da Gabriele Tardio, La Chiesa in San Marco in Lamis tra medioevo e metà del XVII sec., Edizioni SMIL, San Marco in Lamis.[...] Il Sindaco, eletti e decurioni del Comune di S. Marco in Lamis in Capitanata annuenti al voto de loro concittadini di ogni classe prostrati al Real Trono fervorosamente supplicano la Maestà vostra affinché facendogli grazia alla città di Foggia, acciò abbia una cattedrale vi si unisca [...]

  • Lettera del sindaco L. Giuliani

    Lettera del sindaco L. Giuliani

    Sabato, 17 Febbraio 2018 - 65.88 Kb - pdf - 14807a6a09a706dfaedebd3be17b8f52 - Brano tratto da Gabriele Tardio, La Chiesa in San Marco in Lamis tra medioevo e metà del XVII sec., Edizioni SMIL, San Marco in Lamis, 2000: Memoria all’intend. provinciale nel 1843 - Idea della badia di San Marco in Lamis.[...] nel 1782 la badia venne dichiarata di Regio Patronato, e molti beni burgensatici furono reintegrati alla corona. Nel 1795 defunto l’ultimo abate commendatario Cardinale Colonna non venne più provveduta, e ciò non ostante nello spirituale in sulle cause ecclesiastiche, la badia fu sempre governata dal vicario capitolare fino alla pubblicazione del concordato allorché in delegazione fu unita all’archidiocesi di Manfredonia presso della quale la diocesana ne amministrava le rendite dè due quinti dè beni ex feudali ecclesiastici spettanti al regio demanio per la badia vacante per la esecuzione della vertenza della suprema commissione feudale de 16 luglio 1810; essendo l’attuale affitto de fondi delle difese di Sazzano, S. Matteo e Coppa Mastrogiacomo presso d. Carmine Gravina per l’annuo estaglio di d. 2300 lordo del contributo fondiario. [...]

  • Progetto sulla Via Francigena

    Progetto sulla Via Francigena

    Sabato, 14 Aprile 2018 - 4.31 Mb - pdf - 8536b7824324b22ffefe756eba34cd1a - Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche Università degli Studi di Foggia, La 'Via Francigena della Capitanata', Studio per un progetto di valorizzazione turistica ed economica del territorio della Provincia di Foggia, a cura di Vincenzo Vecchione, Pasquale Pazienza, Massimo Russo, Renzo Infante, Luigi Longo, Michele Del Giudice e Raffaele Guglielmi, Quaderno n. 14/2008. [...] Il testo che qui si presenta è frutto di uno studio multidisciplinare, concepito e realizzato all’interno dell’Osservatorio Turistico operante presso il Dipartimento di Scienze Economiche Matematiche e Statistiche dell’Università di Foggia. L’attività di ricerca e riflessione è stata avviata a seguito di una stimolante 'provocazione' scaturita dal dibattito finale di un Convegno, tenutosi a Roma oltre un anno fa e organizzato dall’Opera Romana Pellegrinaggi. [...]

  • G. Sergi e le Vie Francigene

    G. Sergi e le Vie Francigene

    Sabato, 14 Aprile 2018 - 409.21 Kb - pdf - 225d753c796d943ce4a907b045e750cd - Adattamento da La via Francigena. Chiesa e poteri, in La via Francigena. Itinerario culturale del Consiglio d’Europa, Atti del Seminario di Torino, 20 ottobre 1994, pp. 12-23Ricerca iconografica di ARVO (Archivio del volto santo) a cura di Ilaria Sabbatini.Fonte: www.historialudens.it[...] Secondo Abelardo - lo ha ricordato Umberto Eco negli anni Ottanta del Novecento - le parole non si limitano a rispecchiare la realtà, ma danno anche corpo sia alle cose scomparse sia a quelle inesistenti. La definizione di 'via Francigena' si riferisce di sicuro a una cosa oggi scomparsa. Possiamo domandarci: c'è anche il rischio che si riferisca a una cosa inesistente? No, il rischio non è così alto: ma certo il Consiglio d'Europa con il suo progetto di itinerarioeuropeo, gli assessorati delle regioni italiane con i loro materiali, le numerose associazioni nate per valorizzare culturalmente o turisticamente la 'Via Francigena', tutti rischiano davvero di dare una consistenza troppo precisa a questa parola, quasi che indichi una grande identificabile e ben tracciata autostrada che percorreva in diagonale l'Europa medievale. [...]

  • Lo splendore dell'anno Mille

    Lo splendore dell'anno Mille

    Sabato, 14 Aprile 2018 - 72.44 Kb - pdf - 7889c379781495eed5258c0eed4cabb3 - Premessa da Raffaele Iorio, I benedettini e lo splendore dell'anno Mille, Schena Editore, 2006, pp. 5-10.Collana 'Gli Ori del Gargano' diretta da Giuseppe Cassieri.[...] A pochi minuti dal decollo nell'alba, virando l'aereo per prender quota e rotta di crociera, ecco come su un vassoio inclinato apparire il Gargano. Anzi, rivelarsi il Gargano. Non il moncherino nocchiuto della mappa sul muro di scuola o lo sperone d'Italia o il pilone di un interrotto ponte geologico nell'Adriatico, e simili volatili ingenuità. È come se dallo sprofondo affiorasse il dorso di un enorme sauro lungo 65 chilometri. Non terra e rocce, ma un corpo vivo. [...]

  • La nuova dimensione del Turismo Religioso

    La nuova dimensione del Turismo Religioso

    Sabato, 14 Aprile 2018 - 82.85 Kb - pdf - 1360465468c96204c2a49e1e7db93a80 - La nuova dimensione del Turismo Religioso. Intervista a Don Gionatan De Marco pubblicata da Hospitality News.Quello del turismo religioso è un fenomeno multiforme che negli ultimi anni sta vivendo una primavera unica. Così esordisce Don Gionatan De Marco, Direttore Ufficio nazionale per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport della Conferenza Episcopale Italiana, in questa profonda e illuminante analisi, ricca di spunti e riflessioni per il futuro del turismo nel suo complesso. [...]

  • Tratto Garganico e R. Starace

    Tratto Garganico e R. Starace

    Sabato, 14 Aprile 2018 - 160.32 Kb - pdf - c3a99d2cbef121a358bf907b50d31cfb - Qualcosa di più sulla Strada Francesca Garganica.Un ottimo saggio del Prof. Romano Starace, che parla del tratto garganico della Via Francesca.A rimorchio delle tante discussioni (e polemiche) sul tragitto di questa antichissima e notissima arteria, propongo un mio (datato) studio - qui compresso e sistemato alla buona ma ben chiaro nell’approfondimento degli eventi - perché consono alla questione di fondo oggi (tardivamente) venuta alla luce e ai risvolti che in prospettiva interessano amministratori e comunità sammarchese. Strada che senza alcun dubbio appartiene storicamente e culturalmente alla nostra cittadina, ma su cui occorre fare opportuna CHIAREZZA in più direzioni. [...]

  • Fenomenologia dell'Ex Voto

    Fenomenologia dell'Ex Voto

    Lunedì, 17 Dicembre 2018 - 136.37 Kb - pdf - 0f5aceb8fe610023e078be12ea5ff71a - Giovanni Battista Bronzini, Fenomenalogia dell'Ex Voto, in Provincia di Bari - Biblioteca De Gemmis, Puglia Ex Voto, a cura di Emanuela Angiuli, Galatina, Congedo Editore, 1977, pp. 249-271 [...] L'ex voto è un fenomeno di comportamento nei rapporti col soprannaturale tra i più antichi e diffusi, un prodotto di cultura e/o arte religiosa tra i più funzionali e commerciati a livello popolare, - il cui processo compositivo è tra i più contestuali e i meno artisticamente autonomi, - un segno di credenza magica e di costume devoto tra i più comunitariamente significati e comunicati. Data la poliedricità dei suoi aspetti, quali si presentano allo spettatore colto e allo studioso, può essere visto come testimonianza di fede, semplice, ingenua o superstiziosa, che si ritenga sempre e ovunque così manifestata a livello popolare, come documento di una cultura altra in senso etnologico o manufatto d'industria locale e di arte minore, come espressione di un linguaggio visivo e parlato (più che scritto), proprio della cultura popolare essenzialmente orale, e simbolo multiforme di una tradizione devota, risalente per via archeologica alla preistoria e attestata nel mondo greco-romano, influenzata, poco o molto, se non per certi aspetti discesa, dalla tradizione signorile delle offerte e pitture votive. [...]

  • Sprazzi di luce

    Sprazzi di luce

    Giovedì, 21 Marzo 2019 - 17.54 Mb - pdf - 5826cdda569fe8edc0d37ac97fba77c6 - Ricordi del prof. Angelo Cursio, sammarchese. Come si viveva a San Marco in Lamis. Tanti avvenimenti del secondo dopoguerra, in un italiano alquanto "claudicante".

  • L'entroterra del Gargano

    L'entroterra del Gargano

    Giovedì, 21 Marzo 2019 - 5.47 Mb - pdf - a1a56017a9ea41a3ce894524ce1a45c9 - Una tesi di laurea dela Dott. Clizia Narcisi sui luoghi interni del Gargano, poco conosciuti e pubblicizzati.
Powered by Simple