Per la razza maledetta

Per la razza maledetta

Per la razza maledetta

Napoleone Colajanni, Per la razza maledetta, Palermo-Roma, 1898
[...] Da Felice Cavallotti nella vita e nelle opere, Milano, 1908
Vilfrido Pareto esclamava: “Dove andiamo?” ed escludendo ogni speranza di miglioramento col mutar degli uomini al potere, scriveva a mo' di chiusa:
Al disotto dell'Italia c'è la Spagna; più in giù della Spagna stanno il Portogallo e la Grecia. Nulla ci fa sicuri di non avere da scendere sino a quel punto. In ogni modo, se a tanta sventura potremo sfuggire, non sarà certo per merito delle inette nostre classi governanti, ma solo perchè si muteranno la coscienza e la scienza delle classi popolari.
[...] Alfredo Niceforo, presidente della Società Italiana di Antropologia e della Società Italiana di Criminologia, che in La delinquenza in Sardegna: note di sociologia criminale (opera pubblicata nel 1897 con prefazione di Enrico Ferri) scriveva: “La razza maledetta, che popola tutta la Sardegna, la Sicilia e il mezzogiorno d’Italia dovrebbe essere trattata ugualmente col ferro e col fuoco - dannata alla morte come le razze inferiori dell’Africa, dell’Australia". [...]

Categoria Napoleone Colajanni
Dimensione 255.35Kb
Accesso Chiunque può visualizzare questo file.