S. Rossore 24 settembre 1936 - XIV
Decreto reale con cui si autorizza il trasferimento di detto fondo rustico alla Provincia di S. Michele Arcangelo in Puglia.
Da copia esistente nella biblioteca del convento S. Matteo.
VITTORIO EMANUELE III per grazia di Dio e per volontà della Nazione Re d'Italia e Imperatore di Etiopia.
Vista l'istanza del canonico Salvatore De Finis, modificata e fatta propria da P. Cristoforo Valentini, legittimo rappresentante della Provincia di S. Michele Arcangelo nelle Puglie, con sede in Foggia, dell'Ordine dei Frati Minori, concernente l'oggetto infraindicato;
Visto il nostro decreto in data 5 giugno 1933 con il quale fu riconosciuta la personalità giuridica della Provincia anzidetta;
Visti gli articoli 29 lett. b del Concordato con la Santa Sede, 9 della legge 27 maggio 1929, N° 848/18 e 79 del Regolamento approvato con il R.D. 2 dicembre 1929, N° 2262;
Vista la legge 5 aprile 1933, N° 455;
Udito il parere del Consiglio di Stato;
Sulla proposta del Capo del Governo, Primo Ministro Segretario di Stato, Ministro Segretario di Stato per gli affari dell'interno;
ABBIAMO DECRETATO E DECRETIAMO
E' autorizzato il trasferimento a favore della Provincia di S. Michele Arcangelo nelle Puglie, con sede in Foggia, dei seguenti immobili, in Comune di S. Marco in Lamis (Foggia):
Fondo rustico consistente in un giardino boschetto ed accessori come mandre, grotte per animali ed altro della estensione di Ett. 3.7035, in contrada Valle S. Matteo intestato ai Signori Blunno Michele di Matteo e Botta Francesco fu Matteo, in virtù dell'istrumento in data 8 febbraio 1927 repertorio N" 6164 per Notar Gaetano Conte residente in Lucera.
Il Nostro Ministro proponente è incaricato dell'esecuzione del presente Decreto
Dato a S. Rossore il 24 settembre 1936-XIV.
Fto Vittorio Emanuele
Cfto Mussolini
Per copia conforme. Il Direttore Capo della Divisione Fto (illegibile)
Registrato alla Corte dei Conti il 24 ottobre 1936. Reg. n. 11.