S. Marco in Lamis 6 maggio 1904
Il Comune di S. Marco in Lamis cede in fitto, al Ministro Provinciale dei Frati Minori Salvatore Dota, il convento di S. Matteo.
Da copia esistente nell'Archivio Comunale di S. Marco.
L'anno 1904 addì sei del mese di maggio nella Casa Comunale di S. Marco in Lamis.
Innanzi a Noi Musso rag. Alfredo, Regio Commissario, in virtù del Real Decreto 24 gennaio 1904, alla presenza dei Signori Siani Michelangelo e La Porta Nicola, testimoni idonei, cogniti e richiesti e con l'assistenza di me, Tommaso Paradiso, Segretario Comunale, è comparso, previo invito, il Sig. Dota Salvatore fu Alberto, Provinciale dei Frati Minori, nato e domiciliato in S. Bartolomeo in Galdo, e qui di passaggio per la stipula del presente contratto, il quale in dipendenza del compromesso del cinque aprile ultimo scorso, e del deliberato in data dieci detto mese, dichiara che si obbliga col presente atto di prendere in fitto dal Comune di S. Marco in Lamis, rappresentato come sopra dal R. Commissario Sig. Musso Alfredo, il convento di S. Matteo e l'annesso Santuario per le funzioni del Culto, con i seguenti patti e condizioni.
1. La durata della locazione sarà di anni cinque con decorrenza dal dì 26 aprile prossimo scorso a tutto il 31 ottobre 1908; con dichiarazione però che la disdetta dovrà farsi sei mesi prima.
2. L'annuo fìtto sarà di lire cinquecento, che il fittuario Sig. Dota si obbliga a versare nella Cassa Comunale il 1 ottobre di ciascun anno, a cominciare dal 1 ottobre p. v..
3. A garanzia dell'affitto ed obblighi il Sig. Dota farà un deposito di lire 150, presso il Tesoriere Comunale, da ritirarlo dopo scaduto il termine del contratto.
4. Sarà obbligo altresì del fittuario Sig. Dota eseguire le riparazioni e la manutenzione del fabbricato del convento e del Santuario, a sue spese.
5. Al Comune sarà riservato l'uso di due camere per l'alloggio delle Guardie Campestri, nonché la tettoia esterna al lato nord, per deposito di materiali.
6. Ai cittadini Sammarchesi è riservato il diritto della presa d'acqua nei pozzi del convento, in caso di siccità.
7. Le spese del presente stipulato saranno a carico del Sig. Dota, il quale per la esecuzione del medesimo elegge il suo domicilio in questa Casa Comunale.
Del che si è redatto il presente contratto che, previa lettura e conferma, viene sottoscritto dal Sig. Dota, dai testimoni, da Noi e dal Segretario.
Fti. Dota Salvatore Provinciale.
Michelangelo Siani teste
La Porta Nicola teste
Musso Alfredo Regio Commissario
Tommaso Paradiso Segretario Comunale.
Sansevero, 29 maggio 1904, N° 3648. VISTO: II Sottoprefetto: Fto. Marzino (?)
Registrato a S. Marco in Lamis il 1 giugno 1904. Mod. 1, vol. 49, fol. 74, N. 677. Il Ricevitore Fto. (illegibile).
Approvato dalla Giunta Provinciale Amministrativa nella tornata del 27 aprile 1904 con rettifica che la cauzione di lire 150 sia rappresentata da libretto di deposito postale. Comunicato a quest'Ufficio Comunale con nota Sottoprefettizia 12 maggio N. 3450.