Nella sezione dedicata ad Ernesto Rossi (co-autore con Altiero Spinelli del Manifesto di Ventotene del 1941 ed esecutore testamentario di Gaetano Salvemini, puoi scaricare (e leggere) 2 interventi del Nostro usciti su L'Astrolabio del 25 ottobre 1963.
Nella sezione Storia>>Panfilo Gentile è da scaricare il libro completo, diviso in 9 capitoli, Polemica contro il mio tempo
N.B. Non tutti i nuovi file caricati vengono segnalati per il "Download"!!! Download
Toggle Bar

Nel 1999

21 anni fa

21 anni fa

[R. Bobbio] Mazzini contro Cavour...
"Certo, la rivoluzione popolare fallita e imposta dagli eserciti piemontesi.
Ricordiamo il "Risorgimento senza eroi" di Gobetti, ma anche Gramsci.
Successivamente c'è stato l'attacco dei cattolici. La classe politica postrisorgimentale, ammettiamolo, era profondamente anticlericale. Lo scrittore cattolico Vittorio Messori sostiene che l'unità d'Italia è stata realizzata da una classe politica ristretta contro una società civile composta prevalentemente da cattolici. Una osservazione davanti alla quale non si può chiudere gli occhi". Così, l'unico fondamento che poteva avere la coscienza nazionale decadde subito.
Guardi, era già così decaduto che un movimento nazionalista estremista, come il fascismo, per dare fierezza agli italiani andò a cercare, un po' ridicolmente, l'impero romano, con il passo romano e i professori di latino mobilitati a scrivere odi in quella lingua.
Certo non poteva essere quello un punto di riferimento per giustificare l'esistenza di una nazione.
La coscienza di essere una nazione si può fondare su due fondamentali motivi. Il primo è uno stato di oppressione che costringe il popolo alla necessità di "stare insieme". Nell'inno di Mameli c'è un verso significativo: "Calpesti, derisi perché non siam popolo, perché siam divisi". Dal senso di umiliazione nasce la voglia di riscatto. Ricordo la famosa poesia "All'Italia" di Leopardi in cui lamentava che gli italiani combattono sì, ma "per altra terra" e il soldato che muore non può dire "Alma terra natia, la vita che mi desti ecco ti rendo"". [...]

Data creazione Giovedì, 07 Maggio 2020
Categoria Carlo Cattaneo
Dimensione 123.26Kb
MD5 6dda98f1edfb309ab2a15927dc19f97d
Accesso Chiunque può visualizzare questo file.