11 – Vurria tene'
Recitata da Nardella Angela. 14 versi suddivisi in distici con rima irregolare. Si tratta di un canto chiaramente lacunoso nel quale fanno spicco alcuni elementi stilistici, come talora la ripresa all'interno del distico.

 

Brano eseguito da Festa, Farina e Folk
Spartito di "Vurria tené"
Spartito di "Vurria tené"

La mamma mia non me marita apposta (bis)
pe non luua' lu sciore dalla funestra. 

Tegne nu iarofene a meze a cente fronne (bis)
la megghje fronne ce l'ha purtata lu vente. 

Vurrìa tene' 'na cammera e 'na cucina (bis)
'na funestrella all'onna dellu mare. 

Vurrìa teneè 'na cammera sotta terra (bis)
li pince d'ore e li matune de ferre. 

Vurrìa tene' nu zite ricche ricche (bis)
li cašcavadde e li presutte appise. 

Tegne 'na mamma e 'n'ata ne vurrìa (bis)
vurrìa la mamma dellu nínne mia. 

Se me da' a figghjete, ije te chiame mamma, (bis)
se no, te chiame lacifera dellu 'mperne.
Vorrei tenere. La mamma mia non mi marita apposta per non togliere il fiore dalla finestra. Tengo un garofano in mezzo a cento foglie la foglia più bella se l'è portata il vento.

Vorrei tenere una camera e una cucina una finestrella in riva al mare. Vorrei tenere una camera sotto terra le tegole d'oro e i mattoni di ferro. Vorrei tenere un fidanzato ricco ricco i caciocavalli e i prosciutti appesi. Tengo una mamma e un'altra ne vorrei, vorrei la mamma del bambino mio. Se mi dai a tuo figlio, io ti chiamo mamma, se no, ti chiamo la diavola dell'inferno.

Illustrazione di Filippo Pirro
Illustrazione di Filippo Pirro