28 - I' so' menute apposta dallu vosche
Recitata da Martino Vincenzo. 12 versi anisosillabi suddivisi in quartine più un distico che si ripete come ritornello dopo ogni strofa. Rima assai irregolare. E' una serenata di origine locale con qualche influsso derivato da altro canto popolare.

Spartito di "I so menute apposta dallu vosche"
Spartito di "I so menute apposta dallu vosche"

I ' so' menute apposta dallu vosche
pe meni' a canta' a te mia bella ingrata.
Ie rumaste li patane senza attuppate
pe meni' a canta' a te porca fricata.
Rit. Chi ti dice, bella, che io non ti amo?
ascolta lu mio canti, ti amo tanti, ti amo ancor.
[si ripete dopo ogni quartina

M'eje fatte li scarpune e so' de porce
me l’eja 'ngegna' lu iurne de Corpe de Criste
passe 'nnanze e degne nu salete
quanne me struje quisse me facce l'ate. 

Li mane de farina non te l'eja fa' 'mpretta'
lu pane inte la vetrina te l'eja fa' vede'
la vocca pe la fame ce adda 'ntrampi'
li dente pe l’appetite ce anna arruzeni'.
Io sono venuto apposta dal bosco. Io sono venuto apposta dal bosco per venire a cantare a te mia bella ingrata.
Ho lasciato le patate senza ammucchiarle e coprirle di terra per venire a cantare a te porca fottuta. Chi ti dice, bella, che io non 'ti amo? ascolta il mio canto, ti amo tanto, ti amo ancor.Mi sono fatto gli scarponi e sono di pelle di maiale me li devo mettere il giorno di Corpo di Cristo passo davanti a te e do un salto quando mi consumo questi mi faccio gli altri. Le mani di farina non te le devo far sporcare il pane dentro la vetrina te lo devo far vedere la bocca per la fame si deve storcere i denti per l'appetito si debbono arrugginire.

Illustrazione di Filippo Pirro
Illustrazione di Filippo Pirro