18 – Lu scardalane
Recitata da Nardella Pietro. 12 versi in prevalenza endecasillabi divisi in tre quartine del tipo ABCB con il secondo e il quarto tronchi rimanti tra loro.


Brano eseguito da Festa, Farina e Folk
Spartito di "Lu scardalane"
Spartito di "Lu scardalane"

Quistu uagliole me steva stunanne
lu scardalane ce vuleva 'mpara'.
Quistu iè iarte a chi 'mpara prima
la scarda 'ncodde l'ada purta'. 

Quanne arrevava allu pizze de strate
vedeva gione affacciate e me metteva a greda'.
- Chi la vojesse scardata la lana
i' ne la scarde senza paja'.

La lana tova iè ghjanca o iè nera
i' come 'na reta te la facce meni'.
Se non te piace la mia scardatura
c'è mio fratelle che la sape scarda'.
Lo scardassatore. Questo ragazzo mi stava stonando scardassatore voleva diventare. Questo è il mestiere: chi impara prima lo scardasso sulle spalle lo deve portare. Quando arrivavo all'estremità di una strada vedevo fanciulle affacciate e mi mettevo a gridare. - Chi vuole essere scardassata la lana io gliela scardasso senza pagare. La lana tua è bianca o è nera io come una rete te la faccio diventare. Se non ti piace la mia scardassatura c'è mio fratello che la sa scardassare.

Illustrazione di Filippo Pirro
Illustrazione di Filippo Pirro