25 – La pettetonna
Recitata da La Sala Raffaela. 16 versi di varia estensione suddivisi in distici più un distico che si ripete come ritornello. I distici sono uniti da rima baciata regolare. Appare simile a una filastrocca.


Brano interpretato da Tonino Lombardozzi & C.


Brano interpretato da Festa, Farina e Folk

Spartito di "La pettetonna"
Spartito di "La pettetonna"

La pettetonna mia
me ne fa i alla mupìa.
Rit. Oje la pettetonna, chi te l'ha fatta fa'.
[si ripete ogni due versi]
Pettetonna, pettepezzuta
lu uasce de tata t'è piaciute.
E inte li vetrine
li spiava li bavagline.
Pettetonna inte la defensa
prima l'ha fatte e mo' ce pensa.
Pettetonna sope la 'llorgia
vede lu campe la via de Foggia.
Pettetonna, pettechjatte
e l'hanne rutte lu piatte.
Ammeze la via nova
va truvanne chi te' l'ova.
Ammeze la mezzana
pare 'na vacca senza campana.
La pettotondo. La pettotondo mia me ne fa andare alla follia. Oh la pettotondo, chi te l'ha fatta fare. Pettotondo, petttoappuntito il bacio di papà t'è piaciuto. E dentro le vetrine li guardavi i bavaglini. Pettotondo nella difesa prima l'ha fatto e ora ci pensa. Pettotondo lassù dall'alto dell’orologio vede il campo lungo la via per Foggia. Pettotondo, pettopiatto e l'hanno rotto il piatto. In mezzo alla strada nuova va trovando chi tiene le uova. In mezzo all'aia sembra una vacca senza campana.

Illustrazione di Filippo Pirro
Illustrazione di Filippo Pirro