21 – L'amata morta
Recitata da Malerba Rachele. 27 versi settenari con rima per lo più irregolare. Si tratta di una versione del famoso canto diffuso su tutto il territorio nazionale. Questa registrata a S. Marco è affine, sia per la metrica che per il contenuto, alle versioni lucane anche se in qualche verso si nota l’adattamento all'ambiente locale (per maggiori particolari riguardanti le versioni diffuse in altre aree si veda G.B. Bronzini, op. cit.).

Spartito di "L'amata morta"
Spartito di "L'amata morta"

Passe, repasse e passe (bis)
la bella non la vede. (bis)
Legge, recame e cosce (bis)
o puramente tesse. (bis)
Ce affaccia la surella (bis)
tutta alluttata e scura. (bis)
- La bella tova è morta (bis)
è andata 'nsepeltura. (bis)
Se la vu' i a vede' (bis)
la chiesa de Santa Chiara                                                } (bis)
là truvarrà la tomba.                                                         }
- Tu sacrestane mia (bis)
doneme lu chiavine } (bis)
eja apri' quedda tomba. }
Iapre la tomba e vede (bis)
e vede la mia bella                                                           } (bis)
tutta magnata steva.                                                       }
Quisse capille tova (bis)
parevene file de seta d'ore
mo' parene code de serpe, file de stoppa. (bis)
Quisse bell'occhje tova (bis)
parevene calamita. (bis)
Quessa beccuccia tova (bis)
jettava fiure e rose,                                                            } (bis)
mo' jetta vermecciole.                                                       }
Addio, mio bell'amore, (bis)
non ce vedime cchjù. (bis)
L'amata morta. Passo, ripasso e passo la bella mia non la vedo. Legge, ricama o cuce oppure tesse. Si affaccia la sorella tutta in lutto e scura. - La tua bella è morta è andata nel sepolcro. Se la vuoi vedere la chiesa di Santa Chiara là troverai la tomba. - Tu sacrestano mio dammi la chiave devo aprire quella tomba. Apro la tomba e vedo e vedo la mia bella era tutta mangiata. Questi capelli tuoi sembravano fili di seta d'oro ora sembrano code di serpe, fili di stoppa. Questi begli occhi tuoi sembravano calamita. Questa boccuccia tua gettava fiori e rose, ora getta vermiccioli. Addio, mio bell'amore, non ci vediamo più.

Illustrazione di Filippoo Pirro
Illustrazione di Filippoo Pirro