26 - E quanne passe ije
Recitata da La Sala Grazia. 2 versi settenari ed ottonari suddivisi in quartine dallo schema assai vario. E' un canto fra i meno significativi della raccolta sia per il testo letterario sia per la melodia.

Spartito di "E quanne passe ije"
Spartito di "E quanne passe ije"

E quanne passe ije
pecché me chiude li porte?
E la sfaccima la morte
che non te ve' a pigghja'. 

E senza che ce passe
e poi ce repasse
si' figghje de cozze marre
va' 'ncampagna a lavura'. 

E quanne passe ije
cu' la catena d'ore
come non te šcatte lu core?
Serrave pe l'amore. 

Tegne 'na versura de vigna
la tegne abbasce all'orte
la zappa lu socere mia
sgubbate e cosse torte.

T'ha' fatte li scarpine
tacche iavete e ponta calata
li feste so' passate
scarpine che n'ada fa'?
E quando passo io. E quando passo io perché mi chiudi le porte? Quella svergognata della morte che non ti viene a prendere. E senza che ci passi e poi ci ripassi sei figlio di contadino zappaterra vai in campagna a lavorare. E quando passo io con la catena d'oro come non ti scoppia il cuore? Sarà per l'amore. Possiedo una versura di vigna ce l'ho in basso vicino all'orto vi Zappa il suocero mio incurvato e con le gambe torte. Ti sei fatto le scarpe con i tacchi alti e la punta abbassata le feste son passate delle scarpe che devi farne?