contentmap_plugin

San Marco in Lamis è in posizione centrale rispetto a tutte le località del Gargano
San Marco in Lamis è in posizione centrale rispetto a tutte le località del Gargano
Non si conosce la data di fondazione della città, che è comunque medievale; la sua storia è strettamente intrecciata con quella del sovrastante Convento di San Matteo.
Nella parte antica, San Marco in Lamis è molto bella con la sua conformazione a doppio pettine.
La parte moderna lascia alquanto a desiderare: i nuovi quartieri che vanno dalla località “Starale” in direzione della strada per Sannicandro, sono di fatto dei quartieri-dormitorio. Essi si sono sviluppati a partire dagli anni 80 ed attualmente viene consumato il poco terreno ancora rimasto.
Demografia a S. Marco in Lamis.
Demografia a S. Marco in Lamis.
In questi quartieri vi abita la maggior parte della popolazione (il centro storico continua a svuotarsi) e vi manca ogni servizio, ad eccezione di una scuola media e di un bar.
La viabilità interna non è buona; i trasporti sono insoddisfacenti e la popolazione residente è obbligata ad usare l’auto privata.
Stranamente i parcheggi a pagamento, riservati ai “turisti”, sono desolatamente vuoti.
Di seguito una tabella con alcuni dati demografici sulla città.
A fine novembre 2013 la città contava 13.940 abitanti.
Croce processionale d’argento, opera di Nicola da Guardiagrele, della seconda metà del sec. XV
Croce processionale d’argento, opera di Nicola da Guardiagrele, della seconda metà del sec. XV
Spulciando nel web, ho scoperto che la città possiede una Croce processionale d’argento, opera di Nicola da Guardiagrele, della seconda metà del sec. XV.
Giovanni Boraccesi, docente universitario e storico dell’arte orafa, la definisce “stupefacente” e continua: “Non so dire, tuttavia, se il prezioso cimelio -  che, da solo, renderebbe raccomandabile la visita alla cittadina garganica – vi giunse con la precisa volontà dei committenti di allogarlo in questa chiesa parrocchiale o in un altro edificio sacro della città”.
In un altro punto della sua relazione, il Boraccesi continua: “Dal punto di vista dell’oreficeria profana non si può non dare risalto alla particolare e ben nota vocazione artigianale di San Marco in Lamis per la lavorazione di monili;
La processione delle Fracchie a San Marco in Lamis
La processione delle Fracchie a San Marco in Lamis
in un lungo lasso di tempo compreso tra il XVIII e il XX secolo, qui sono, infatti, attestati numerosi maestri orafi e argentieri (MAVELLI 2005, p. 128; BORACCESI 2007a.), chiaro indice della floridezza economica della città garganica”.
La croce astile si trova in una teca posta nella Chiesa Collegiata dedicata a Maria SS. Annunziata.
Le manifestazioni più importanti sono:
1. La processione delle Fracchie, che si svolge il Venerdì Santo a sera ed attira qualche migliaio di visitatori.
2. Cchiù fa notte e cchiù fa forte, manifestazione che quest’anno (2014) si svolgerà il 23 agosto.
Anche questa manifestazione attira qualche migliaio di visitatori.